rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Giovanardi: "Bene censura Stp su spot"

L’Ira di Giovanardi su Fracomina: “Quella campagna pubblicitaria è miserabile. Bene ha fatto a Brindisi la Stp a censurare le immagini, rifiutando di farla apparire sui mezzi pubblici”. Nel definirla “degradante e offensiva per i milioni di credenti che ci sono in Italia” e dunque “un vero e proprio vilipendio della religione”, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi chiede all'Agcom di bloccare la provocatoria campagna pubblicitaria lanciata in questi giorni dal brand di moda Fracomina.

ROMA - L'Ira di Giovanardi su Fracomina: "Quella campagna pubblicitaria è miserabile. Bene ha fatto a Brindisi la Stp a censurare le immagini, rifiutando di farla apparire sui mezzi pubblici". Nel definirla "degradante e offensiva per i milioni di credenti che ci sono in Italia" e dunque "un vero e proprio vilipendio della religione", il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi chiede all'Agcom di bloccare la provocatoria campagna pubblicitaria lanciata in questi giorni dal brand di moda Fracomina.

"Sono Maddalena, faccio la escort e non sono una ragazza facile"; "Sono Maria, non sono vergine e ho un forte senso di spiritualità": sono alcuni degli slogan che accompagnano le foto delle modelle.

Giovanardi, intervenuto a KlausCondicio, il programma tv di Klaus Davi in onda su YouTube, ha sollecitato l'immediato intervento del Giurì di autodisciplina pubblicitaria e del presidente dell'Agcom Corrado Calabrò, forte della notizia della già avvenuta censura in Puglia (a Brindisi e a Gallipoli le concessionarie locali dei bus e delle affissioni si sono rifiutate di ospitare lo spot per il suo carattere offensivo).

"È una manifestazione di degrado, e non di progresso, ricorrere a simboli religiosi per fare pubblicità. E' una cosa negativa cercare lo scandalo, con la consapevolezza di offendere, per promuovere un brand. L'Agcom - afferma il sottosegretario - deve intervenire e fermare chi fa il furbo. Trovo offensivo mischiare il sacro con il profano e strumentalizzare simboli religiosi che sono sacri per milioni di cittadini. Quando si toccano elementi che hanno a che fare con la sfera religiosa l'autocensura dovrebbe essere automatica".

Alla domanda se si tratti di una reazione "un po' troppo bacchettona", Giovanardi risponde: "Quello della maison Fracomina è un giochino miserabile. Io non posso impedire a quell'azienda di celebrare l'orgoglio di essere escort, è una loro libera scelta, quello che è giusto impedire invece è il riferimento a Maddalena e Maria, perché nel Vangelo Maddalena ha riscattato il suo passato e certamente non ha continuato a svolgere la sua attività. E' stato quindi strumentalizzato un simbolo religioso sacro per milioni di italiani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovanardi: "Bene censura Stp su spot"

BrindisiReport è in caricamento