Si finge sordomuto per nascondere la droga: un 26enne nei guai

Il giovane aveva nascosto un involucro di cocaina sotto la lingua. Rispondeva a gesti e monosillabi ai carabinieri

BRINDISI – Si finge sordo muto per nascondere un involucro contenente due grammi di cocaina che aveva nascosto sotto la lingua. Ma i carabinieri in realtà hanno subito capito che un 26enne residente a San Vito dei Normanni ci capiva benissimo ed ara anche in grado di parlare. 

Il giovane è stato sottoposto a un controllo dai militari del Nucleo investigativo. Il 26enne rispondeva alle domande delle forze dell’ordine con gesti e a monosillabi. Ma una volta appurato che si trattava di  una pantomima, i carabinieri hanno recuperato e posto sotto sequestro la sostanza stupefacente.  Il ragazzo è stato segnalato alla prefettura. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento