menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Colto da malore mortale mentre pesca ricci con le bombole

Un uomo di 27 anni residente a Torchiarolo, Antonio Rizzello, è morto nel primo pomeriggio di ieri a Torre Colimena, dopo un malore accusava mentre pescava ricci con l'autorespiratore ad aria

TORRE COLIMENA (Avetrana) - Un uomo di 27 anni residente a Torchiarolo, Antonio Rizzello, è morto nel primo pomeriggio di ieri a Torre Colimena, dopo un malore accusava mentre pescava ricci con l'autorespiratore ad aria poco al largo del ristorante gestito dalla sua famiglia, sul litorale della località costiera ionica in territorio di Avetrana.

Rizzello è riaffiorato poco dopo l'inizio dell'immersione, ed è stato soccorso da parenti che lo seguivano in barca per prendere a bordo i ricci. Portato a riva, Rizzello è stato sottoposto a manovre di rianimazione per circa un'ora da una equipe del 118 inviata sul posto, ma ogni tentativo è stato inutile.

Le cause del decesso possono essere stabilite solo dall'esame autoptico. Data la bassa profondità del fondale su cui il giovane stava operando e il breve periodo di immersione, sarebbe da escludere un'embolia gassosa. I carabinieri e la Guardia costiera stavano accertando se Rizzello prima di immergersi avesse pranzato (anche con la muta la situazione operativa in acqua a febbraio comporta un certo impatto con l'acqua molto fredda).

In ogni caso si è proceduto con il sequestro dell'attrezzatura, sia per verificare il funzionamento dell'autorespiratore, ma anche perchè il prelievo di ricci e molluschi con le bombole è consentito solo a pescatori professionali abilitati e iscritti ad appositi registri delle Capitanerie, e questo non era il caso della vittima.

Sulla scogliera dove era stato depositato il corpo di Antonio Rizzello intanto si erano radunati i parenti che si trovavano nel vicino ristorante con pescheria gestito dal padre Pompilio, persona molto conosciuta nella zona. La salma è stata trasportata per disposizione del magistrato di turno della procura di Taranto all'ospedale di Manduria in attesa delle decisioni dello stesso pm. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento