Cronaca Centro Storico / Piazza Giacomo Matteotti

Gli sfrattati si accampano di nuovo davanti al Comune, anche sotto la pioggia

Un ombrellone come impalcatura e qualche foglio di compensato come parete, posizionati con un po' di ingegno a ricreare un alloggio all'esterno del municipio brindisino. Un alloggio che, le circa duecento famiglie di sfrattati, non possono più permettersi. Da qualche giorno la singolare abitazione era visibile proprio davanti all'ingresso del municipio, nella centralissima piazza Matteotti,

BRINDISI - Un ombrellone come impalcatura e qualche foglio di compensato come parete, posizionati con un po’ di ingegno a ricreare un alloggio all’esterno del municipio brindisino. Un alloggio che, le circa duecento famiglie di sfrattati, non possono più permettersi. Da qualche giorno la singolare abitazione era visibile proprio davanti all’ingresso del municipio, nella centralissima piazza Matteotti, circondata dagli striscioni di protesta e dagli L'accampamento degli sfrattati sotto al Comune-2sfrattati. 

Non è bastato l’intervento di alcune pattuglie dei vigili urbani e degli operatori di Ecologica Pugliese che venerdì mattina hanno rimosso l’alloggio di fortuna e gli striscioni, la protesta, anche se meno visibile, meno appariscente, continua. Sono in pochi, ma determinati, hanno passato la prima notte all’addiaccio con qualche cartone a separarli dal freddo pavimento, ieri si sono organizzati piazzando una tenda a ridosso dei cancelli della casa, quella con la C maiuscola, dei brindisini.

“Neanche un cane viene trattato così - come un mantra ripetono questa frase i tre che passeranno la notte in tenda - vogliamo una casa, vogliamo essere sentiti dal sindaco e da chi potrebbe aiutarci”. Dicono che non se ne andranno, che non hanno altro posto e vogliono che tutti possano vedere a cosa porta la disperazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli sfrattati si accampano di nuovo davanti al Comune, anche sotto la pioggia

BrindisiReport è in caricamento