Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Operaio brindisino schiacciato nella raffineria Eni di Taranto

Un operaio brindisino di 32 anni, Giampiero Gioia, è rimasto ferito in maniera gravissima in un incidente sul lavoro avvenuto nella raffineria Eni di Taranto. Gioia è ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale SS.Annunziata

TARANTO - Un operaio brindisino di 32 anni, Giampiero Gioia, è rimasto ferito in maniera gravissima in un incidente sul lavoro avvenuto nella raffineria Eni di Taranto. Gioia è ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale SS.Annunziata per lo schiacciamento della cassa toracica e del fegato. Un altro operaio, un 31enne originario di Siracusa, ha riportato invece ferite leggere e dopo alcune ore è stato dimesso.

L'incidente, su cui sta indagando lo Spesal dell'Asl ionica, dovrebbero essere stato provocato dall'imperfetto aggancio ad una gru di un pezzo metallico che ha investito i due operai, mentre oscillava in maniera anomala. Entrambi gli operai sono dipendenti di una impresa appaltatrice, la Seval, e l'incidente è avvenuto la notte scorsa. Il pezzo che la gru stava spostando era la calotta di uno scambiatore di calore. La procura di Taranto ha avviato una indagine.

I funzionari dello Spesal hanno effettuato un sopralluogo nell'area dell'incidente e ascoltato i testimoni. Il macchinario, a quanto si è appreso, è stato posto sotto sequestro per consentire gli ulteriori accertamenti. Anche l'Eni ha avviato una indagine interna per fare luce sull'accaduto e poi relazionare ai sindacati.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio brindisino schiacciato nella raffineria Eni di Taranto

BrindisiReport è in caricamento