rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Francavilla Fontana

Guida in stato di ebbrezza e truffa con postapay, denunciati

Il bilancio dei controlli dei carabinieri: dall'uso indebito di carta di credito alla circolazione stradale

FRANCAVILLA FONTANA - Una denuncia per guida in stato di ebbrezza e un'altra per uso idebito della carta di credito, a Francavilla Fontana: nel primo caso, la contestazione è stata mossa nei confronti di un 51enne della Città degli Imperiali, nell'altro caso l'ipotesi di reato riguarda un casertano di 64 anni. 

I carabinieri della stazione di Francavilla Fontana, nel corso di un servizio finalizzato al controllo della circolazione stradale, hanno deferito in stato di libertà, per guida in stato di ebbrezza alcolica, C.G: controllato alla guida della sua autovettura e sottoposto all'alcoltest, è risultato positivo, con un tasso alcolemico pari a 1,44 g/l. La patente di guida è stata ritirata e il veicolo sottoposto a sequestro.

"L’articolo 186 del codice della strada sulla "guida sotto l'influenza dell'alcool" punisce le condotte di chi guida in stato di ebbrezza alcolica", ricordano i militari. "Le sanzioni, previste al secondo comma, puniscono tutti i conducenti sorpresi alla guida con tassi alcolemici che superano il limite massimo consentito di 0,5 grammi di alcool per litro di sangue, sfociando in responsabilità penali già da valori superiori a 0,8 g/l".

A conclusione  di indagini avviata a seguito della denuncia presentata  da un impiegato 22enne di Francavilla Fontana, i carabinieri hanno deferito in stato di libertà V.A.  residente a Caserta, per il reato di truffa e indebito utilizzo di carte di credito. L’attività dei militari ha dimostrato che il 64enne, il 30 aprile 2018, ha effettuato alcune ricariche “on line”, utilizzando i dati sottratti illecitamente della carta prepagata “postepay” intestata all’impiegato di Francavilla Fontana, cagionando un danno complessivo di 150  euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guida in stato di ebbrezza e truffa con postapay, denunciati

BrindisiReport è in caricamento