menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Hascisc nel negozio e in casa: nuovi guai per un giovane commerciante

L'uomo era già stato condannato a un anno di reclusione per spaccio di cocaina. I poliziotti del commissariato di Ostuni sono stati aiutati dal cane Vargo

OSTUNI – Pochi giorni prima che il tribunale di sorveglianza si esprimesse sulla sua richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali, è finito nuovamente nei guai l’ostunese Marco Cavallo, 29 anni, di Ostuni, già condannato a un anno di reclusione per una vicenda di spaccio risalente al 2008. I poliziotti del locale commissariato, grazie al fiuto del cane Vargo, hanno infatti rinvenuto oltre 30 grammi di hascisc fra il negozio di Cavallo e la sua abitazione. Le forze dell’ordine da tempo tenevano d’occhio l’attività commerciale, avendo notato movimenti sospetti al suo esterno.

L’altro giorno i poliziotti sono entrati in azione, riscontrando in maniera oggettiva tali sospetti. Sotto al bancone di vendita dei prodotti, infatti, è stato trovato un coltello da cucina, con lama intrisa di hascisc. Grazie a Vargo, poi, sono stati trovati ulteriori trenta grammi di hascisc, suddivisi in “stecchette”, pronti per essere ceduti a terzi, a detta degli investigatori.

Successivamente gli agenti si sono recati presso l’abitazione di Cavallo, recuperando, in un mobiletto della CAVALLO Marco classe 1987-4stanza da letto, un involucro in plastica al cui interno si trovavano numerosi pezzetti, monodose, di hascisc, del peso di ulteriori 2 grammi, nonché, appositamente nascosto all’interno di una nicchia ricavata nel muro, dietro la porta d’ingresso della menzionata abitazione, un bilancino elettronico di precisione, perfettamente funzionante.

Cavallo quindi, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, è stato arrestato in regime di domiciliari e ha incassato il rigetto della richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali presentato al tribunale di sorveglianza, proprio a causa dell’arresto in flagranza di reato effettuato dal commissariato.

Sempre nell’ambito dei servizi di prevenzione dello spaccio di sostanze stupefacenti, inoltre, i poliziotti hanno segnalato all’autorità amministrativa un 29enne in cura al Sert di Ostuni, presso la cui abitazione sono stati trovati sette grammi di hascisc, oltre a boccette di metadone, alcune delle quali, non assunte entro i termini temporali prescritti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento