rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Herat, sequestrati 500 chili di oppio

KABUL - Il sequestro di mezza tonnellata di oppio e l'arresto di 10 sospetti 'insurgents': questo un primo bilancio dell'operazione 'CopperHead', condotta dai militari italiani e afgani nel settore meridionale dell'area di responsabilità del Comando Regionale Ovest, a guida Brigata Sassari. “L'operazione - spiegano al comando del contingente italiano in Afghanistan - ha lo scopo di disarticolare l'azione degli insorti nelle aree a ridosso della 'route Copper' e di assicurare la libertà di movimento lungo l'importante arteria di comunicazione”.

KABUL - Il sequestro di mezza tonnellata di oppio e l'arresto di 10 sospetti 'insurgents': questo un primo bilancio dell'operazione 'CopperHead', condotta dai militari italiani e afgani nel settore meridionale dell'area di responsabilità del Comando Regionale Ovest, a guida Brigata Sassari. "L'operazione - spiegano al comando del contingente italiano in Afghanistan - ha lo scopo di disarticolare l'azione degli insorti nelle aree a ridosso della 'route Copper' e di assicurare la libertà di movimento lungo l'importante arteria di comunicazione".

Sul percorso sono stati anche individuati e disattivati due ordigni esplosivi improvvisati (Ied) e sono stati realizzati tre check point presidiati dalla polizia afgana. L'operazione è condotta dai militari italiani delle task force South (su base ) e South East (su base Reggimento San Marco della Marina Militare) "in stretto coordinamento" con le forze di sicurezza afgane. "Nella provincia di Herat - viene ancora sottolineato al quartier generale italiano - continuano inoltre a registrarsi gli effetti della pressione operativa esercitata dal Regional command west con l'operazione Omid 12», recentemente conclusasi.

Ieri, infatti, un gruppo armato di insorti, "composto da un importante comandante e circa 30 affiliati, ha consegnato le armi alle autorità della polizia afgana per essere avviato al processo di reintegrazione". Oggi, intanto, si è svolta la cerimonia che sancisce il passaggio della responsabilità della sicurezza dalle forze Nato di Isaf alle forze afgane nei distretti di Abe Khamari e Qal 'ah-ye Naw, nella provincia di Badghis, anch'essa nell'area di responsabilità del Regional command west a guida italiana. La cerimonia segna la fine della seconda fase del processo di transizione annunciato dal Governo afghano il 27 novembre 2011.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Herat, sequestrati 500 chili di oppio

BrindisiReport è in caricamento