Cronaca Via Materdomini

I dimenticati della Sciaia: "Strade buie e dissestate, tra rifiuti ed erbacce"

Strade buie e dissestate. No, non è il titolo di qualche film drammatico hollywoodiano, ma la situazione, non meno drammatica, che i residenti di via Torpediniera Perseo, zona Sciaia, sono costretti ad affrontare da anni.  Uno stato di abbandono che mette a dura prova la pazienza di chi in quella via ci abita e che da tempo non si capacita delle mancanze strutturali

BRINDISI - Strade buie e dissestate. No, non è il titolo di qualche film drammatico hollywoodiano, ma la situazione, non meno drammatica, che i residenti di via Torpediniera Perseo, zona Sciaia, sono costretti ad affrontare da anni.  Uno stato di abbandono che mette a dura prova la pazienza di chi in quella via ci abita e che da tempo non si capacita delle mancanze strutturali che caratterizzano la strada; una strada che non risparmia le persone, la mancanza dei marciapiedi unita all’assenza di un sistema efficace di illuminazione pubblica e alla presenza di pericolosi dislivelli del manto stradale rendono il rientro a casa, soprattutto nel periodo invernale, un’avventura per niente piacevole, né le loro auto che con cadenza regolare necessitano di ruote e sospensioni nuove. 

“Sono anni che va avanti così, viviamo in una zona dimenticata da tutti - è lo sfogo di un residente che ha scritto una lettera-denuncia alla redazione di BrindisiReport.it - tutto ciò è inammissibile”. 

Un disinteresse che accomuna amministrazione comunale (passate e presente), Autorità portuale, che ha una parte della strada tra le competenze demaniali e le ditte edili che qui hanno costruito diversi condomini. 

Che lo stato di abbandono e degrado sia una storia che va avanti da anni lo si può benissimo accertare anche dando un’occhiata a Google Maps, l’applicazione dell’omonimo sito web che permette di “vedere” buona parte del nostro pianeta attraverso carte geografiche e foto: digitando il nome di via Torpediniera Perseo, sullo schermo compare l’immagine ripresa dalla Google car (l’auto che, grazie ad un sistema fotografico, riprende a 360 gradi il panorama circostante, ndr), e, sorpresa, quella ripresa dall’auto, la street view per intenderci, è una strada in balia dei rifiuti, dal manto stradale completamente dissestato e dalle erbacce che dominano la strada.via Perseo, Sciaia-2

Insomma la perfetta descrizione dello stato in cui versa questo angolo di città e che un residente esasperato ha fatto arrivare a BrindisiReport.it, peccato che le immagini di Google Maps siano state riprese dal 2011 al 2012. Una chiara prova di come i problemi segnalati dal nostro lettore si trascinino da troppi anni.

“Tra rifiuti, erbacce e buche ormai non sappiamo più cosa fare - dichiara un altro residente - non voglio dire che questa sia una strada di serie b, ma la verità è questa. Ogni tanto gli operatori ecologici vengono a pulire e qualche volta ho visto pure chi si dedicava al verde pubblico, ma tutto questo succede quasi sempre in via Materdomini (la via principale della Sciaia, che dal Casale porta sulla litorale, ndr), via Perseo e le altre strade non vengono prese in considerazione. Non si vede una via d’uscita”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dimenticati della Sciaia: "Strade buie e dissestate, tra rifiuti ed erbacce"

BrindisiReport è in caricamento