Cronaca

Autocarri-pirata nel centro storico, altre multe ma è una storia infinita

Spaccano il basolato e rovinano la pavimentazione stradale, ma continuano a ignorare apertamente i divieti di accesso, tanto nessuno nessuno ha mai pagato i danni e nessuno lo ha mai preteso. Una sanzione di appema 185 euro non fa paura a nessuno, mentre i cittadini pagano di tasca propria decine di migliaia di euro di riparazion i stradali

BRINDISI - Spaccano il basolato e rovinano la pavimentazione stradale, ma continuano a ignorare apertamente i divieti di accesso, tanto nessuno nessuno ha mai pagato i danni e nessuno lo ha mai preteso. Una sanzione di appema 185 euro non fa paura a nessuno, mentre i cittadini pagano di tasca propria decine di migliaia di euro di riparazion i stradali. Comunque, i vigili urbani di Brindisi in mattinata hanno nuovamente accertato e sanzionato "la pessima abitudine di alcune ditte di grande distribuzione presso i supermercati della zona di far accedere i propri autocarri, il cui peso viola quanto prescritto dalla segnaletica posta all’inizio del centro storico ovvero il divieto di transito per autocarri il cui peso complessivo è superiore ai 35 quintali".

Tir in piazza del Popolo-2I mezzi pesanti colpiti da verbali di 185 euro sono a due autocarri di grosse dimensioni e addirittura un autoarticolato che si trovavano per le operazioni di scarico della merce in Piazza Cairoli, in via Del Mare e in piazza piazza del Popolo. "Infine l’ufficio Traffico e Trasporti ha revocato definitivamente ogni pregressa autorizzazione in deroga al divieto di transito per autocarri ed autobus sempre nell’ottica di preservare i basolati carrabili  ed in generale gli arredi dell’area centrale della città", fa sapere una nota del comando della polizia municipale. Una misura giusta, ma occorrerà farla rispettare rigotosamente come avviene in altre città (e facendo pagare i danni provocati, visto che il Comune un ufficio legale ce l'ha).

Quello dell'accesso-pirata dei mezzi oltre i 35 quintali nel centro storico è una piaga mai risolta, nè l'amministrazione comunale si è preoccupata di assumere misure più severe di dissuasione. Sembra che in città comandino i trasportatori e i loro committenti. Sarà per una questione di voti? Intanto il basolato di quella che doveva essere una Ztl è andato in malora, e i brindisini non possono essere orgogliosi di essere di gli unici in Puglia a non avere una vera e propria isola pedonale.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autocarri-pirata nel centro storico, altre multe ma è una storia infinita

BrindisiReport è in caricamento