menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un fermo immagine della rapina alla tabaccheria di via Tevere

Un fermo immagine della rapina alla tabaccheria di via Tevere

"Il rapinatore ha puntato il fucile e il carabiniere ha esploso un colpo"

Il colonnello Nicola Conforti ricostruisce le concitate fasi dell'assalto armato alla tabaccheria di via Tevere, preceduto dalla tentata rapina alla gioielleria di corso Garibaldi. Due rapinatori arrestati in flagranza. Il terzo complice è da identificare

BRINDISI – “Uno dei rapinatori ha puntato l’arma e il carabiniere ha esploso un colpo, attingendolo di striscio alla tempia”. Il comandante provinciale dei carabinieri di Brindisi, Nicola Conforti, ha ricostruito le fasi concitate della rapina ai danni della tabaccheria di via Tevere (preceduta da quella alla gioielleria Fischetti di corso Garibaldi), che ha fatto vivere momenti di terrore ieri sera (25 gennaio) al rione Perrino.

Gli investigatori non nutrono dubbi sul fatto che i due assalti armati siano stati perpetrati dalla stessa banda composta da tre individui. Antonio Mangiulli, 27 anni, residente al rione Commenda, ed Emilio Valenti, 25 anni, sono stati arrestati da un’aliquota radiomobile mentre tentavano la fuga dopo aver svaligiato la tabaccheria. Il terzo complice, dileguatosi a bordo della Fiat Croma utilizzata per raggiungere gli obiettivi (successivamente abbandonata e data alla fiamme nelle campagne fra San Vito dei Normanni e Mesagne), è ancora da identificare.

Conferenza rapina tabaccheria via Tevere-2

E’ successo tutto nel giro di una quindicina di minuti. Intorno alle ore 18, i delinquenti hanno fatto irruzione all’interno della gioielleria di corso Garibaldi 12. Grazie alla reazione del titolare, i rapinatori sono fuggiti a mani vuote, non prima di esplodere un colpo di fucile che ha ferito leggermente al polpaccio un cliente (un dipendente dell’Onu curato sul posto dal personale del 118 e che ha rifiutato il trasporto in ospedale). Mentre la sala operativa della questura diramava la nota di ricerca dei rapinatori, una pattuglia della compagnia di Brindisi al comando del capitano Luca Morrone e del tenente Luca Colombari si trovava al rione Perrino, dove stava espletando un servizio antirapina.

rapina ta tabaccheria via Tevere,l'arresto dei rapinatori-2“Transitando in via Tevere – dichiara Conforti – i carabinieri hanno notato una Fiat Croma parcheggiata nel senso di marcia opposto, si sono affiancati all’auto e si sono accorti di quello che stava accadendo all’interno della tabaccheria”. A quel punto anche i due rapinatori che hanno fatto irruzione nell’attività commerciale, subito dopo essersi fatti consegnare il denaro dal titolare, si accorgono che la Croma con il complice alla guida faceva retromarcia ed escono precipitosamente (come si evince dal video ripreso dalla telecamera di cui è dotato l'esercizio commerciale).

“E’ stato – prosegue Conforti – tutto rapidissimo. I rapinatori escono e abbandonano la refurtiva. Uno dei militari scende subito dal lato del passeggero. Il rapinatore armato punta il fucile. Il militare esplode un colpo attingendolo di striscio alla tempia. Il ferito riesce a buttare il fucile nella macchina aprendo la portiera posteriore lato passeggero, ma il complice alla guida immediatamente scappa e i due non riescono a salire a bordo della vettura”. Un paio di militari, quindi, bloccano subito il ferito, mentre il terzo collega insegue per circa mezzo chilometro il suo complice, finché non lo blocca e ammanetta in una via adiacente.  

rapina ta tabaccheria via Tevere, la Croma dei rapinatori-2

Mangiulli (foto in basso) è stato subito trasportato in ospedale (dove è piantonato presso la stanza 100) con una ferita profonda circa mezzo centimetro sul cuoio capelluto, giudicata guaribile in 15 giorni. Sia lui che Valenti, di VALENTI Emilio, classe 1992-2concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, Simona Rizzo, sono stati  (foto a destra) arrestati per tentata rapina e porto di arma clandestina. La Croma è stata ritrovata intorno alle ore 19,15 nei pressi dello scalo ferroviario di San Vito dei Normanni. L’auto (provento di furto denunciato lo scorso 21 gennaio a Mesagne) era completamente carbonizzata.

MANGIULLI Antonio, classe 1990-2Al suo interno si trovava quel che restava dell’arma: un fucile a canne affiancate la cui provenienza sarà appurata tramite accertamenti da parte degli esperti della Scientifica. In via Tevere, oltre alla busta della spesa contenente la refurtiva, sono stati recuperati anche i passamontagna calzati dai banditi. 

Per quanto concerne i trascorsi dei due rapinatori, va detto che Mangiulli era incensurato. Valenti, invece, il 7 marzo 2014 era stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare per una rapina commessa a Siena. Entrambi nelle prossime ore verranno sottoposti a interrogatorio per la convalida dell’arresto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento