menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I robot realizzati dagli studenti del "Giorgi" trionfano alla Robocup

Congruo bottino per l’ITT “Giovanni Giorgi” di Brindisi: Primo premio all’ XI Trofeo Internazionale città di Roma e primo e secondo posto alla fase regionale di Robocup Jr

BRINDISI - Struttura in metallo dal cuore umano i robot  delle tre squadre dell’ I.T.T. “G. Giorgi”: Team Giorgi a Roma ha preso parte alla RomeCupJr 2017 vincendo il primo premio e Team Giorgi 1 e Team Giorgi 2 a Bari si sono classificati al primo e secondo posto alla fase regionale della Robocup Jr per la categoria Rescue.

La RomeCup e la RoboCup Rescue sono competizioni internazionale il cui scopo è quello di incoraggiare lo sviluppo e la ricerca tecnologica nel salvataggio di esseri umani in strutture danneggiate da terremoti, fiamme, incidenti e così via. Questi i nomi dei partecipanti alla RomeCup: Vitale Matteo - 5EA (caposquadra), Finizzi Marco -4AA, Conserva Gabriele - 3BI. 

IMG-20170317-WA0011-2

Alla fase regionale, invece, il “Giorgi” ha gareggiato con due squadre: Team Giorgi 1 composto da Turco Vincenzo, Mazzotta David e Sconosciuto Christian, tutti studenti della 4AA, e Team Giorgi 2 composto da De Nitto Luna, Panna Kevin della 3BA, e Rizzo Alessandro e Battipaglia Antonio della 3DA. Coordinatore del progetto di robotica è il prof. Diego Brando, che, coadiuvato dal prof. Giuseppe Sarcinella, ex docente del “Giorgi” ha reso possibile il raggiungimento di tali risultati ambiti.

IMG-20170317-WA0016-2

Competizioni al cardiopalma, non fosse altro perché, durante le gare, vengono preparate degli scenari che riproducono l'interno di edifici colpiti da terremoti o incendi. Ogni squadra in gara presenta uno o più robot che dovranno esplorare l'ambiente in modalità autonoma.

Lo sviluppo di robots in grado di agire in maniera autonoma ed esplorare tali ambienti, individuando le eventuali vittime, è una sfida interessante, in quanto coinvolge aspetti quali la mappatura dell'ambiente, la localizzazione del robot, l'individuazione degli ostacoli e delle vittime e la necessità di predisporre una modalità di esplorazione completamente autonoma in caso di impossibilità di comunicare col robot.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento