menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Troppe rapine a Brindisi. Intervengano il Viminale e la politica"

Riceviamo e pubblichiamo questa presa di posizione del Forum Ambiente Salute e Sviluppo sulla recrudescenza di episodi criminosi a Brindisi, ricordando che ieri su iniziativa del questore si è svolto un vertice delle forze dell'ordine

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo questa presa di posizione del Forum Ambiente Salute e Sviluppo sulla recrudescenza di episodi criminosi a Brindisi (reati predatori), ricordando che proprio ieri su iniziativa del questore Maurizio Masciopinto si è svolto un incontro tra i vertici delle forze dell'ordine per pianificare una intensificazione dei servizi preventivi e delle indagini. 

Quindici rapine in un mese in  una   città come Brindisi  con una popolazione di 88.000 abitanti insieme alla ormai abituale serie di altri reati contro le persone e i patrimoni sono il segno del fatto che la criminalità comune e quella organizzata possano fare sul nostro territorio quello che vogliono. Da anni facciamo presente la gravità di questa situazione con note e lettere aperte inviate anche al Ministro dell’Interno chiedendo il rafforzamento, in termini  di nomine e mezzi, delle locali forze di sicurezza che fanno quello che possono con sacrifici ed impegno.

Ma la cose non sono cambiate anzi si aggravano e ai ripetuti appelli si risponde ogni tanto con qualche riunione del Comitato  Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e con la visita di qualche personalità di Governo che non produce alcuna  novità di rilievo. Abbiamo sottolineato ciò che  tutti sanno e cioè che la videosorveglianza, comunque assolutamente inadeguata, non basta perché ciò che soprattutto occorre è  un costante e attento controllo del territorio con l’impegno sistematico di vigilanza fisica fissa e immobile a mezzo di un adeguato numero di pattuglie di pronto intervento diurne e notturne.

E abbiamo anche segnalato l’esigenza di migliorare i servizi informativi per meglio conoscere dove nascono, in che modo si organizzano e come operano i diversi nuclei di micro e macro criminalità. Abbiamo anche fatto appello alla politica istituzionale e a quella partitica perché segnalino la gravità del fenomeno al Governo centrale e perché localmente lo approfondiscano sotto il profilo sociale operando interventi che in qualche modo  favoriscono il lavoro giovanile e mettano per quanto possibile al riparo i giovani dal rischio di cadere nella rete di reclutamenti delinquenziali.

Finora nulla di apprezzabile si è mosso e questo la dice lunga sulla crisi della politica ed anche sulle difficoltà che le locali agenzie educative incontrano, a partire dalla scuola e dall’associazionismo  religioso, nello svolgimento del loro lavoro formativo. Non ci resta che chiedere  a tutte le espressioni della società civile e ai singoli cittadini di fare in qualche modo giungere al Ministero dell’Interno e ai responsabili della politica locale la loro  protesta per la situazione di insicurezza nella quale sono costretti quotidianamente a vivere ed  avanzando richiesta che  si passi finalmente dai colpevoli silenzi e dalle generiche promesse all’adozione di misure concrete.

Brindisi non vuole alzare la bandiera bianca della resa di fronte agli assalti di una criminalità sempre più diffusa e sempre più baldanzosa. Confidiamo perciò che si determino le condizioni per una svolta nell’opera di contrasto nei confronti di tutte le forme di criminalità. (Forum Ambiene Salute e Sviluppo)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento