menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I Giardini di Pluto, immagine di repertorio

I Giardini di Pluto, immagine di repertorio

"Il canile scoppia ma niente esodo"

CAROVIGNO – La Asl blocca il trasferimento di 151 cani dalla struttura sequestrata “I Giardini di Pluto”, utilizzata da vari Comuni, e insorge il sindaco di Carovigno.

CAROVIGNO - La Asl blocca il trasferimento di 151 cani dalla struttura sequestrata "I Giardini di Pluto", utilizzata da vari Comuni, e insorge il sindaco di Carovigno, che l'aveva disposta, Mimmo Mele. E Mele pubblicamente definisce irrituale la decisione - che tuttavia è legata all'applicazione di normative regionali - di non dare esecuzione all'ordinanza numero 8 del 15 gennaio 2014, "con la quale il sottoscritto, in qualità di sindaco e di custode giudiziario della struttura posta sotto sequestro 'I giardini di Pluto', ordinava l'immediato trasferimento di 151 dei cani in esubero ivi presenti presso altra struttura, ritenuta idonea dall'autorità giudiziaria per risolvere parzialmente l'emergenza sanitaria segnalata".

Mele ritiene di aver fatto il proprio dovere, eseguendo di fatto una indicazione dell'autorità giudiziaria: "Si ribadisce che il provvedimento in questione (ordinanza n. 8 del 15 gennaio 2014) è stato adottato dal sottoscritto in ottemperanza ad un preciso e reiterato ordine dell'autorità giudiziaria nel quale testualmente si legge 'anche in deroga alle disposizioni regionali citate, procedere, senza ritardo, all'immediato trasferimento dei cani in esubero sia onde interrompere lo stato di permanente consumazione del reato di maltrattamento d'animali, connesso all'intollerabile sovraffollamento canino presso la struttura sottoposta a sequestro preventivo(?omissis?..), sia onde prevenire il pericolo di malattie infettive e diffusive trasmissibili anche all'uomo' ".

Pertanto mele, dichiarandosi sconcertato "rispetto a tanta resistenza e mancanza di sinergia fra tutti i soggetti preposti a garantire e tutelare la salute pubblica sul territorio della Provincia di Brindisi", annuncia che "per quanto di mia competenza, continuerò ad attivare ogni utile percorso condiviso con tutti i sindaci dei comuni della Provincia di Brindisi, interessati a detta emergenza, proponendo una gestione anche consortile del servizio, avvalendosi di tutte le strutture idonee presenti sul territorio, ove compatibile anche della struttura 'I Giardini di Pluto', superando il vulnus della legge regionale mediante una gestione diretta del servizio da parte dei Comuni".

 

 

 

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento