Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Impianti rifiuti, Emiliano a Consales: “Via Nubile, dal 16 novembre arriva l’Amiu”

"Gravi e reiterate inadempienze del gestore”, scrive il commissario Oga e governatore della Puglia. In 1.200 files la storia di Autigno e centro Cdr. Il sindaco protesta: “Direttiva regionale incongruente: il Comune non ha più poteri”

BRINDISI – Mille e 200 file per ricostruire la gestione dei rifiuti a Brindisi, tra discarica e impianto di Cdr, affidati alla ditta Nubile: per il governatore della Puglia, Michele Emiliano, “sono utili a valutare la sussistenza delle condizioni di risoluzione del contratto” sulla base delle quali ha spedito una direttiva a Mimmo Consales, nella doppia veste di sindaco e presidente dell’Oga (commissariata), chiedendo di chiudere una volta per tutte il capitolo con la società privata.

La lettera è del 27 ottobre scorso e la risposta del destinatario non si è fatta attendere, visto che a distanza di 24 ore, il primo cittadino ha chiesto delucidazioni: “Se l’Organo di governo d’ambito di cui Brindisi è capofila è stato commissariato, con delibera della Regione, e se è stato commissariato anche il rapporto tra il Comune e il gestore privato, allora perché rivolgersi a noi per la risoluzione?”, domanda il sindaco.  

Michele Emiliano a Brindisi-3-2“L’Amministrazione cittadina non ha più alcun potere in materia, per cui la direttiva di Emiliano francamente non la capisco”. Incomprensione, quindi, sull’asse Brindisi-Bari. Non la prima visto quanto è in atto sul piano politico-amministrativo con la richiesta di sostituzione degli assessori del Pd nella giunta Consales, avanzata da Emiliano, convinto della necessità di dare slancio all’azione. Ma questa è tutta un’altra storia.

Quanto ai rifiuti, da Brindisi hanno espresso e messo per iscritto, “forti perplessità derivanti dal fatto che la gestione commissariale risulterebbe competente a decidere se risolvere o meno il rapporto con la ditta Nubile Srl”. “Paradossalmente l’operato del commissario sarebbe assolutamente vanificato nell’ipotesi in cui l’Oga, per esempio, si rifiutasse di esercitare una propria competenza sulla base di direttive impartite da altri”. Si tratterebbe di una “ipotesi di scuola”, secondo Consales. E il motivo è presto detto: “L’Oga si è già espressa in ordine alla necessità di risolvere il contratto, ma è utile a comprendere l’incongruenza della direttiva impartita”.

Il presidente Emiliano, dal canto suo, ha ripercorso le tappe della gestione della discarica di Autigno, poi finita sotto sequestro per inquinamento della falda e la situazione dell’impianto di Cdr, ancora privo del certificato antincendio essendo stato sospeso per l’innalzamento del rischio di focolai interni legati a un sovraccarico di rifiuti riscontrato agli inizi del mese di agosto scorso.

Il sindaco Consales-3Fatto questo ha ricordato che “lo stesso Comune di Brindisi ha già avviato procedimenti di contestazione di inadempienze e minaccia di risoluzione contrattuale dapprima l’11 giugno 2014 e poi il 6 maggio 2015”, ma che “tali procedimenti non risultano, allo stato, conclusi comportando in tal modo il rischio di gravi conseguenze per la tutela del territorio e rischi concreti sotto il profilo igienico-sanitario”.

Emiliano scrive ancora: “Si ritiene che il gestore abbia fin qui operato in modo inadeguato e in difformità ai titoli autorizzativi e contrattuali. Tale situazione non rassicura in ordine a una gestione corretta per il futuro con il rischio delle immaginabili conseguenze in ordine alle tutele nello svolgimento di un servizio pubblico”.

L'impianto di Cdr gestito da Nubile-2La conclusione? “Si comunica che questa struttura commissariale, al fine di evitare pericolose soluzioni di continuità nella gestione dei rifiuti indifferenziati prodotti all’interno dell’Oga Brindisi sta provvedendo ad attivare le necessarie procedure di affidamento della gestione a un soggetto di rilevanza pubblica abilitato, per un periodo transitorio finalizzato alla regolare funzionalità degli impianti. Tale procedura consentirà il subentro nella gestione a far data dal 16 novembre 2015”.

A Brindisi, da quella data, Nubile dovrà passare la mano in favore dell’Amiu, la municipalizzata del Comune di Bari, peraltro già indicata in una delle ultime assemblee dell’Oga. Ma prima della metà del mese prossimo, Consales vuole avere chiarimenti sulla direttiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti rifiuti, Emiliano a Consales: “Via Nubile, dal 16 novembre arriva l’Amiu”

BrindisiReport è in caricamento