rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca San Vito dei Normanni

Il commosso addio al professor Caiolo: "Una persona semplice, gli dobbiamo tanto"

Migliaia di persone hanno partecipato alle esequie dell'ex sindaco di San Vito dei Normanni, morto in un tragico incidente stradale. Struggente il ricordo del figlio Adamah

SAN VITO DEI NORMANNI – Il coro “Alleluia” scandito in piazza e le struggenti parole del figlio Adamah sono stati i momenti più toccanti dell’ultimo viaggio di Lorenzo Caiolo. Migliaia di persone hanno partecipato ai funerali dell’ex sindaco di San Vito dei Normanni, morto in un tragico incidente avvenuto mercoledì sera (18 aprile) sulla strada statale Brindisi-Taranto, nei pressi dello svincolo per Latiano. Un intero paese ha voluto dire addio al professore 66enne.

Funerali Lorenzo Caiolo 17-2

Troppo piccola la basilica di Santa Maria della Vittoria per contenere l’enorme folla. Centinaia di persone sono rimaste all’esterno della chiesa, dove sono stati esposti i cartelloni realizzati dagli studenti di Caiolo, che insegnava presso l’istituto Morvillo Falcone. Il lungo addio a Lorenzo è iniziato stamattina, con l’apertura della camera ardente allestita presso l’aula consiliare, meta di un continuo via vai di persone. Sulla facciata del municipio campeggiava una gigantografia dell’ex sindaco, il cui impegno per i bambini, i migranti e le persone che vivono ai margini della città era noto anche al di fuori della provincia di Brindisi, come testimoniato dai messaggi di cordoglio che nelle ultime 48 ore sono arrivati da tutta l’Italia.

Il video delle esequie

Funerali Lorenzo Caiolo 15-2

All’ingresso del palazzo comunale pendeva uno striscione realizzato dalla IV B della Morvillo Falcone: “Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: hanno i loro occhi pieni di gloria piantati nei nostri pieni di lacrime! Ciao Prof.” Sulla bara è stata adagiata la bandiera della pace, uno dei simboli dell’impegno civico di Caiolo. Intorno alle ore 15,30, sorretto dai volontari della Fatellanza popolare-Croce d’oro, primo servizio di ambulanze della provincia di Brindisi fondato proprio da Caiolo, il feretro è stato trasportato verso la basilica.

Il cordoglio di un paese e il saluto degli studenti

In testa al corteo funebre c’erano Adamah, la moglie di Lorenzo, Rosanna, e mamma Lucia. Le saracinesche dei negozi erano abbassate in segno di lutto. I gonfaloni dei Comuni di Ostuni e San Vito dei Normanni, oltre allo stendardo della stessa Fratellanza popolare - Croce d'oro, hanno accompagnato la bara all’interno della chiesa, già gremita.

La messa è stata officiata da don Fabio Ciollaro. Il parroco ha ricordato le tre beatitudini alle quali Lorenzo si è ispirato: quella francescana; la sete e la fame di giustizia sociale; quella degli operatori di pace.

Funerali Lorenzo Caiolo 13-2

Don Fabio ha ricordato inoltre una delle iniziative di maggior successo organizzate da Caiolo, la settimana dei bambini del Mediterraneo, e il suo impegno civico al servizio della comunità sanvitese, nelle vesti di sindaco (carica ricoperta per due mandati). "San Vito dei Normanni - ha affermato il prelato - gli deve tanto". 

L’uscita del feretro è stata accompagnata da uno scrosciante applauso. Poi la grande commozione sulle note del coro gospel “Alleluia” e il ricordo del padre pronunciato da Adamah. “E’ un giorno triste per tutti noi. Aver conosciuto Lorenzo - dichiara il ragazzo originario del Burkina Faso, che di recente ha acquisito la nazionalità italiana – è la cosa più bella che mi potesse capitare. Mi ha trasmesso l’amore per l’onestà. Lorenzo mio è stata una persona semplice, molto intelligente. Io e lui ci siamo adottati. Ha sempre cercato di unire le persone. Ha sempre cercato il dialogo”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commosso addio al professor Caiolo: "Una persona semplice, gli dobbiamo tanto"

BrindisiReport è in caricamento