rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Fasano

Il Comune perde un'altra causa con Panittica per oneri non dovuti

FASANO – Il Comune deve restituire alla “Panittica Spa” la somma di 50.905,87 euro, maggiorata degli interessi legali a partire dal momento in cui il ricorso è stato notificato. La decisione l’ha presa il Tar di Lecce (terza sezione, presieduta da Antonio Cavallari) a seguito del ricorso presentata dalla Panittica, azienda fasanese di stabulazione di frutti di mare e allevamento pesce, per degli oneri pagati al Comune per delle concessioni edilizie relative agli anni 1992 e 1993.

FASANO - Il Comune deve restituire alla "Panittica Spa" la somma di 50.905,87 euro, maggiorata degli interessi legali a partire dal momento in cui il ricorso è stato notificato. La decisione l'ha presa il Tar di Lecce (terza sezione, presieduta da Antonio Cavallari) a seguito del ricorso presentata dalla Panittica, azienda fasanese di stabulazione di frutti di mare e allevamento pesce, per degli oneri pagati al Comune per delle concessioni edilizie relative agli anni 1992 e 1993. Una storia che si trascina da anni. Il Comune di Fasano, sempre per queste opere realizzate dalla Panittica, ha dovuto già restituire 155mila euro. Perché non dovuti.

E il Tar chiarisce il perché. "Per le concessioni in parola infatti la ricorrente avrebbe dovuto godere del beneficio di cui all'art. 9 della legge numero 10 del 1977, in base al quale la realizzazione di opere nelle zone agricole, funzionali alla conduzione del fondo, da parte dell'imprenditore agricolo è esonerata dal versamento degli oneri concessori. Risultano pertanto indebitamente corrisposti e costituiscono quindi adempimenti privi di causa solvendi il versamento di euro 25.905,87 (lire 50.160.750), effettuato a mezzo assegno circolare del 22.7.1992 e relativo alla concessione 276/1992, e il versamento di 24.599,00 (lire 47.630.302), effettuato a mezzo di bollettino postale e relativo alla concessione di variante 276/1993.

"Attesa la mancanza di giustificazione del pagamento, quanto adempiuto deve essere oggetto di restituzione in virtù delle norme che regolano la condictio indebiti (art. 2033 del codice civile e seguenti)". E quindi il Tribunale amministrativo ha ordinato all'Amministrazione comunale di restituire anche questi cinquantamila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune perde un'altra causa con Panittica per oneri non dovuti

BrindisiReport è in caricamento