rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Torre Santa Susanna

Torre Santa Susanna: il Consiglio di Stato conferma il commissario prefettizio

Il commissario Massone continuerà a guidare l'amministrazione comunale in attesa della decisione del Tar sullo scioglimento del consiglio comunale a seguito delle dimissioni di nove componenti

TORRE SANTA SUSANNA – Almeno fino al prossimo 5 luglio, il commissario straordinario Pietro Massone continuerà a reggere le redini  dell’amministrazione comunale di Torre Santa Susanna.

E’ quanto stabilito oggi (9 giugno) in via cautelare dal Consiglio di Stato, con ordinanza ad hoc emessa in composizione collegiale che ha nuovamente stoppato la sospensiva con cui il Tar aveva restituito la fascia tricolore al sindaco Michele Saccomanno, a seguito dello scioglimento del consiglio comunale scaturito dalle dimissioni rassegnate a fine febbraio da nove consiglieri comunali su 17, compreso lo stesso Saccomanno.

L’11 maggio scorso, i giudici della sezione di Lecce del Tribunale amministrativo regionale avevano accolto l’istanza di sospensiva presentata dagli avvocati Raffaele Missere e Alessandro Orlandini per conto dei consiglieri comunali dimissionari, in attesa del merito da discutere il prossimo 5 luglio. Ma pochi giorni dopo, il 16 maggio, il Consiglio di Stato ribaltò la decisione del Tar, accogliendo un ricorso presentato dai consiglieri dimissionari.

La decisione di merito del tribunale amministrativo regionale è attesa, appunto, per il prossimo 5 luglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Santa Susanna: il Consiglio di Stato conferma il commissario prefettizio

BrindisiReport è in caricamento