Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

La mostra fotografica che racconta il dramma curdo fa tappa a Brindisi

Giovedì 1 settembre all'ex convento Santa Chiara di Brindisi a partire dalle 17 mostra fotografica della giornalista fotoreporter Grazia Bucca, palermitana, sulla repressione violenta in Turchia contro il popolo Curdo

BRINDISI - Giovedì 1 settembre all'ex convento Santa Chiara di Brindisi a partire dalle 17 mostra fotografica della giornalista fotoreporter Grazia Bucca, palermitana, sulla repressione violenta in Turchia contro il popolo Curdo. La mostra fotografica è organizzata da Cobas, Rete Kurdistan, associazione Io Donna, Comitato Migranti e Mediterraneo, Unione degli studenti.  Alle 18,30 intervento introduttivo degli organizzatori e della ospite Grazia Bucca.

GRAZIA BUCCA GUERRA TURCHIA-2

“Bakur-immagini di un popolo resistente” è frutto del reportage realizzato dalla giornalista fotoreporter Grazia Bucca collaboratrice dell'agenzia di fotogiornalismo Studio Camera Srl. Bakur come la regione del Kurdistan del Nord, che comunemente si fa coincidere con la Turchia meridionale, dove da anni si sta combattendo una guerra nascosta ma non per questo meno sanguinosa. Una guerra anomala, combattuta da uno Stato dentro lo stesso Stato, dal governo turco contro la minoranza curda che abita in prevalenza quel territorio martoriato.

GUERRA IN TURCHIA GRAZIE BUCCA-2

Quella guerra ci racconta Grazia Bucca che è stata a Diyarbakir, la capitale morale del Bakur, tra ottobre 2015 e gennaio 2016, periodo durante il quale venivano svolte nuove elezioni (le precedenti di giugno erano state invalidate) e la repressione del governo turco assumeva una rinnovata recrudescenza nei confronti dei civili curdi. Sono immagini crude, di case crivellate, di persone in fuga da condizioni di vita durissime imposte da Ankara anche in altri centri urbani dell’area come Cizre, Sirnak, Silopi, Nusaybin. A Sur, il centro storico di Diyarbakir patrimonio dell’Unesco, in quei mesi veniva imposto un coprifuoco di 24 ore su 24, mentre mancavano luce e acqua e i soldati sparavano a vista su quanti si avventuravano fuori casa. Un massacro perpetrato nel totale silenzio della comunità internazionale. La mostra prova a squarciare, almeno in parte, quel silenzio imposto sulle condizioni di un popolo perseguitato e “cancellato” dalle agende dei potenti del mondo. Grazia Bucca, fotoreporter, collabora con l'agenzia Studio Camera di Palermo. Giornalista Pubblicista ha curato documentazioni fotografiche per Arci (Carovana Antimafie1994-2003) e Boats for People (2012 traversata dall'Italia alla Tunisia sulle rotte dei migranti).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mostra fotografica che racconta il dramma curdo fa tappa a Brindisi

BrindisiReport è in caricamento