Cronaca

Il "Fermi-Monticelli" sarà anche liceo dello sport: c'è accordo col Comune

Il liceo scientifico "Fermi-Monticelli" avrà una sezione a indirizzo sportivo a disposizione della quale verranno messi gli impianti sportivi comunali. E' quanto previsto da un protocollo di intesa fra lo stesso istituto, l'amministrazione comunale e il Coni regionale sottoscritto stamani, in presenza del vice sindaco Giuseppe Marchionna, degli assessori allo Sport ed alla Pubblica Istruzione

BRINDISI – Il liceo scientifico “Fermi-Monticelli” avrà una sezione a indirizzo sportivo a disposizione della quale verranno messi gli impianti sportivi comunali. E’ quanto previsto da un protocollo di intesa fra lo stesso istituto, l’amministrazione comunale e il Coni regionale sottoscritto stamani, in presenza del vice sindaco Giuseppe Marchionna, degli assessori allo Sport ed alla Pubblica Istruzione, Antonio Ingrosso e Gioacchino Margarito, della dirigente scolastica Anna Maria Quarta e del presidente regionale del Coni, Elio Sannicandro. 

Tale protocollo scaturisce dalla richiesta –avanzata ed ottenuta – dal Liceo Scientifico “Fermi – Monticelli” di poter attivare la sezione ad indirizzo sportivo, per la cui istituzione era necessario disporre di impianti ed attrezzature ginnico/sportive idonee, di competenze tecniche e di docenti specializzati nelle varie discipline e materie sportive, così come era fondamentale attivare una relazione continua ed un coordinamento con le federazioni sportive sia per lo svolgimento delle attività sia per concordare le modalità di raggiungimento di brevetti e certificazioni nei diversi sport individuati. 

“Il Comune - ha affermato il vice sindaco Marchionna – riconosce l’alta valenza della pratica sportiva come elemento fondamentale ed indispensabile nel processo di crescita formativa, integrazione sociale e culturale degli individui e, in particolare, dei giovani. Ed il protocollo che abbiamo firmato oggi rappresenta un passo importante verso una sempre maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione comunale verso le innovazioni nel mondo della scuola”. 

“Tra l’altro – prosegue Marchionna - non va dimenticato che proprio il 2014 è l’anno in cui Brindisi ha ottenuto il riconoscimento di ‘Città Europea dello Sport’, per cui l’attivazione sul territorio di un Istituto superiore ad indirizzo sportivo è la degna conclusione di questo prestigioso percorso”.
L’assessore alla Pubblica Istruzione Gioacchino Margarito ha, invece, evidenziato che “nell’ambito dell’’Hub della conoscenza’ è stato già attivato un progetto destinato al mondo della scuola, denominato ‘Smart School’”.

“Si tratta – ha detto Margarito – di un  programma d'intervento, integrato con la piattaforma Brindisi Smart Lab, che coniuga gli aspetti educativi (la conoscenza) con quelli relativi al lavoro (il fare) e con quelli afferenti la nuova imprenditorialità (le start-up), favorendo forme di collaborazione tra scuola, enti, associazionismo imprenditoriale e operatori del privato sociale. un intervento che colloca l’Ente scolastico in un’era ‘moderna’ e che fa il paio con  l’iniziativa odierna”.

“Il Comune di Brindisi – ha proseguito l’assessore allo Sport Ingrosso - è proprietario di impianti sportivi di vario tipo - pista di atletica, impianti polivalenti, piscina, palestre, campi di calcio - che siamo ben lieti di mettere a disposizione del Liceo per le sue esigenze finalizzate al nuovo indirizzo. Così come contribuiremo alla gestione con mezzi di trasporto, campagne promozionali ed iniziative educative per il sostegno alla attività motoria”.
Soddisfatta la dirigente scolastica del “Fermi – Monticelli” Anna Maria Quarta, la quale ha ringraziato “sia il Comune che il Coni regionale per la disponibilità e la grande collaborazione che ciascuno, per le proprie competenze, ha offerto affinché questo progetto diventasse realtà. Ma – ha detto – ringrazio anche e soprattutto le Federazioni sportive locali che hanno messo sin da subito a disposizione competenze e risorse umane”.
Il presidente regionale del Coni Elio Sannicandro, infine, ha sottolineato come “per la prima volta, lo sport diventa fondamentale nei curricula didattici. 

Il liceo ad indirizzo sportivo, infatti, prevede sei ore contro le due classiche di lezione, a cui si vanno ad aggiungere altre attività in orari extrascolastici. “Si tratta  - si legge in un comunicato del Comune - di un progetto importante perché è legato trasversalmente alle politiche della salute, dell’ambiente, della legalità, del turismo, oltre che all’aspetto medico-sanitario”. “Ufficializzare lo sport nella scuola – si legge ancora nella nota del Comune - è stato un grande riconoscimento per chi opera da anni in questo settore. Dal punto di vista operativo, abbiamo creato una rete con le Federazioni sportive che hanno messo a disposizione tecnici ed esperti, mentre l’aspetto fondamentale è che abbiamo chiesto loro che lungo il percorso dei cinque anni si possa immaginare anche di dare agli studenti dei crediti che siano spendibili sia a livello scolastico (come crediti formativi) sia, successivamente, nel mondo del lavoro (brevetti di istruttori, arbitri, ecc…)”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Fermi-Monticelli" sarà anche liceo dello sport: c'è accordo col Comune

BrindisiReport è in caricamento