menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il macchinista sente un urto: treno fermato in stazione

Un treno Freccia Argento diretto a Lecce è fermo da alcune ore alla stazione di Ostuni per un presunto investimento di una persona

OSTUNI – Un treno Freccia Argento diretto a Lecce è rimasto fermo da alcune ore alla stazione di Ostuni per un presunto investimento di una persona. Disagi per i passeggeri che sono stati trasferiti su altri mezzi per raggiungere le varie destinazioni. Sul posto si sono recati i vigili del fuoco e i carabinieri.

Da quanto si apprende sarebbe stato lo stesso macchinista a lanciare l’allarme riferendo di aver sentito un “botto” poco dopo aver visto un gruppo di persone nei pressi dei binari. Forse intente ad attraversarli. Al momento in cui scriviamo (23.30), però non è stato trovato alcun corpo, o tracce di sangue. Sono stati trovati, invece, una scarpa e uno zainetto.

Nel punto dove sarebbe avvenuto l’impatto la lamiera è deformata e ci sarebbero macchie di colore scuro. Non è stato accertato che si tratti di sangue. I carabinieri hanno perlustrato la zona alla ricerca di indizi, un controllo è stato eseguito anche nei centri di accoglienza limitrofi.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Ostuni, coordinati dal comandante della compagnia di Fasano, il tenente Daniele Boaglio, si sarebbe trattato di una "tragedia sfiorata", qualcuno ha riferio di aver visto una sagoma attraversare i binari e oltrepassarli, e probabilmente è stato solo sfiorato dal treno perdendo zaino e scarpa.

Sarebbe stato proprio la zainetto rinvenuto durante le ricerche ad essere urtato dalla motrice. Infatti un contatto tra la stessa e un uomo non avrebbe lasciato scampo alla persona coinvolta data la massa d'urto della macchina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento