Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Viale Risorgimento

Il mercato nuovo devastato a tre giorni dall'inaugurazione. "Sono stati gli abusivi"

Il sindaco Mimmo Consales ha puntato il dito contro gli ambulanti abusivi. Sarebbero loro i responsabili dei danneggiamenti verificatisi questo pomeriggio nel nuovo mercato ortofrutticolo di viale Risorgimento, all'interno dei capannoni ex Inapli, che dovrebbe entrare in funzione lunedì prossimo (16 febbraio). Il condizionale è d'obbligo, vista la devastazione arrecata alla struttura

BRINDISI – Il sindaco Mimmo Consales ha puntato il dito contro gli ambulanti abusivi (Video). Sarebbero loro i responsabili dei danneggiamenti verificatisi questo pomeriggio nel nuovo mercato ortofrutticolo di viale Risorgimento, all’interno dei capannoni ex Inapli, che dovrebbe entrare in funzione lunedì prossimo (16 febbraio). Il condizionale è d’obbligo, vista la devastazione arrecata alla struttura. Gli autori del raid hanno sradicato decine di contatori elettrici che alimentano gli stalli dati in concessione ai commercianti ortofrutticoli. Due lavabi di ceramica situati sulla parete confinante con via Uno dei contatori sradicati-2Massimo D’Azeglio sono stati ridotti in frantumi.

E’ successo tutto al termine di un incontro fra l’assessore comunale al Commercio, Giuseppe De Maria, il presidente di Confesercenti, Tony D’Amore, e oltre cento commercianti, fra i quali pare si trovassero anche delle persone che vendono frutta e verdura in via Santa Maria Ausiliatrice (attuale sede dell’area mercatale) senza regolare licenza. Il confronto era stato convocato dall'associazione di D'Amore per ascoltare le richieste degli esercenti in vista del trasloco di lunedì. Subito dopo la fine dell’assemblea, intorno alle ore 18,45, gli abusivi (stando alla ricostruzione dei fatti fornita dall'amministrazione comunale) si sarebbero scatenati contro gli impianti elettrici. In pochi minuti hanno messo fuori uso i contatori e rotto i lavabi.

Poi si sono allontanati. I vigili urbani, presenti nell’edificio fino a pochi minuti prima, sono subito tornati sul posto. All’esterno della “Piazza” (così è stato ribattezzato il mercato) c’erano ancora decine di commercianti. Gli agenti della Municipale, coordinati dal comandante Teodoro Nigro, Consales, Luperti e il comandante Nigro-2sono stati supportati da una pattuglia di carabinieri. Il sindaco ha effettuato un sopralluogo insieme allo stesso Giuseppe De Maria, all’assessore all’Urbanistica, Pasquale Luperti, e a personale della Multiservizi e dell’Energeko, ditta che gestisce la pubblica illuminazione. L’ammontare del danno è ancora da quantificare. Il primo cittadino ha assicurato che si farà il possibile per non rimandare l’apertura del mercato.

Quello di Consales è un vero e proprio sfogo. “Questo non è un atto vandalico come tutti gli altri – afferma il primo cittadino – ci troviamo di fronte a una situazione gravissima che si verifica in questa città. Questo è il far – west. Non è più una società civile”.

Consales ricorda gli atti vandalici che negli ultimi mesi hanno colpito il parco costiero Punta Penne – Punta del Serrone, i parchi cittadini, gli edifici storici. Ma quanto accaduto oggi, appunto, non è riconducibile alla follia di qualche teppista.

A detta del sindaco, infatti, ci sono testimonianze e immagini (riprese da alcuni commercianti) inequivocabili. “Si è arrivati a questo episodio – afferma Consales – perché gli abusivi vogliono farla da padroni. E fino a quando ci saremo noi gli abusivi non raggiungeranno questo obiettivo”. Consales chiede aiuto alle forze dell’ordine e assicura che chi ha tentato di boicottare il mercato, non avrà la meglio. Proprio stamattina, nel corso della conferenza stampa di presentazione della Piazza, il sindaco aveva preannunciato tolleranza zero contro gli abusivi. “Inauguriamo comunque domenica – conclude Consales - questa struttura. Non si può cedere il passo a chi vuole che questa città continui a vivere nell’illegalità”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mercato nuovo devastato a tre giorni dall'inaugurazione. "Sono stati gli abusivi"

BrindisiReport è in caricamento