rotate-mobile
Cronaca

Il ministro: "Indagini, necessario silenzio"

ROMA – “Esiste un reato che si chiama rivelazione di segreto d'ufficio e queste norme non sono state messe a caso nel codice, servono a tutelare le indagini, che non possono essere collettive”. Lo ha detto ieri sera il ministro della Giustizia, Paola Severino, ospite della trasmissione “Otto e mezzo” a proposito delle indagini sull'attentato di Brindisi. Un attentato che il ministro ha definito “anomalo” e per il quale “non è possibile privilegiare una pista piuttosto che un'altra”, ma invece “occorre lavorare in silenzio e con cautela”.

ROMA ? ?Esiste un reato che si chiama rivelazione di segreto d'ufficio e queste norme non sono state messe a caso nel codice, servono a tutelare le indagini, che non possono essere collettive?. Lo ha detto ieri sera il ministro della Giustizia, Paola Severino, ospite della trasmissione ?Otto e mezzo? a proposito delle indagini sull'attentato di Brindisi. Un attentato che il ministro ha definito ?anomalo? e per il quale ?non è possibile privilegiare una pista piuttosto che un'altra?, ma invece ?occorre lavorare in silenzio e con cautela?.

?Per indagini su un delitto così serio bisogna far lavorare gli investigatori con i loro mezzi?. La comunicazione ? ha ribadito il ministro Guardasigilli - non può sostituire l?attività investigativa mentre ?i rischi della pubblicazione sono tanti: false piste, si può credere di riconosce una persona che invece è un'altra, come è successo. La grande pressione dell'opinione pubblica, pure comprensibile, non contribuisce a un atmosfera serena e fa diventare il rischio di errori elevato?, ha detto ancora il ministro Paola Severino in trasmissione.

Qualcuno ha parlato troppo? La domanda era legata alle presunte divergenze tra procure: ?No - ha risposto il ministro - ci sono stati contrasti di opinioni, ma non diversità nel modo di condurre le indagini?.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ministro: "Indagini, necessario silenzio"

BrindisiReport è in caricamento