rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Il Patri si ritira, la pioggia no

BRINDISI - IL Canale Patri è tornato oggi sotto il livello di guardia, dopo la brutta serata di ieri quando l'esondazione faceva temere una situazione come quella del novembre 2007, quando rimase allagata anche la questura. La pioggia non lascerà Brindisi sino a domenica compresa, si spera che non abbia l'intensità di ieri per non dover affrontare una nuova emergenza.

BRINDISI - IL Canale Patri è tornato oggi sotto il livello di guardia, dopo la brutta serata di ieri quando l'esondazione faceva temere una situazione come quella del novembre 2007, quando rimase allagata anche la questura. La pioggia non lascerà Brindisi sino a domenica compresa, si spera che non abbia l'intensità di ieri per non dover affrontare una nuova emergenza.

I danni, tuttavia, ci sono stati, anche se limitati alle abitazioni e alle colture che si trovano soprattutto sulla sponda destra del Canale Patri, dove l'acqua e il fango hanno raggiunto le abitazioni, ma hanno ricoperto gli orti e hanno invaso le serre, incluse quelle del vivaio della ditta Lazzari.

La vasca di raccolta realizzata in prossimità di via Provinciale per Lecce è stata ben presto colmata dalla piena, ma se non ci fosse stata si sarebbe ripetuta certamente la scena già vista cinque anni fa, quando i danni furono più gravi. Ieri sera, in via precauzionale, questura e sezione Polstrada hanno spostato i veicoli di servizio e del personale di turno in zona più sicura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Patri si ritira, la pioggia no

BrindisiReport è in caricamento