rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Ostuni

Il Riesame rigetta l’istanza: Albino Prudentino resta in carcere

OSTUNI - Respinta l’istanza di scarcerazione: Albino Prudentino (59 anni, ostunese) resta in carcere. Così ha deciso il Tribunale del Riesame. Non sarebbe imminente neppure il suo trasferimento dal carcere romano di Rebibbia presso la Casa circondariale di Lecce. Prudentino avrebbe deciso infatti di rinunciare a prendere parte a una imminente udienza presso il Tribunale salentino, nell’ambito di un processo d’appello in cui è chiamato a rispondere di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata al contrabbando di sigarette. Imputazioni che gli sono costate, in primo grado, una condanna a quattro anni di carcere, per fatti e circostanze che lo portarono in cella agli inizi del Duemila. La requisitoria del Procuratore generale è fissata per il 17 febbraio prossimo.

OSTUNI - Respinta l'istanza di scarcerazione: Albino Prudentino (59 anni, ostunese) resta in carcere. Così ha deciso il Tribunale del Riesame. Non sarebbe imminente neppure il suo trasferimento dal carcere romano di Rebibbia presso la Casa circondariale di Lecce. Prudentino avrebbe deciso infatti di rinunciare a prendere parte a una imminente udienza presso il Tribunale salentino, nell'ambito di un processo d'appello in cui è chiamato a rispondere di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata al contrabbando di sigarette. Imputazioni che gli sono costate, in primo grado, una condanna a quattro anni di carcere, per fatti e circostanze che lo portarono in cella agli inizi del Duemila. La requisitoria del Procuratore generale è fissata per il 17 febbraio prossimo.

Dalle pendenze maturate all'epoca della Marlboro city agli "affari" recenti, che lo hanno portato a finire nuovamente in manette nel settembre 2010, raggiunto in Albania da un ordine di cattura eseguito nell'ambito dell'operazione denominata "Calipso". Prudentino è accusato su questo nuovo fronte di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di stupefacenti ed estorsione, con l'aggravante dell'associazione mafiosa. Chiusa la pratica dell'estradizione dall'Albania in Italia, l'ex capo contrabbandiere di Ostuni, si trova tuttora recluso a Rebibbia, a disposizione della Direzione distrettuale antimafia di Lecce e del giudice delle indagini preliminari.

Estradato e consegnato alla Giustizia italiana l'11 gennaio scorso, dopo oltre tre mesi di detenzione nel Paese delle Aquile, il pregiudicato ostunese (che in sede di interrogatorio di garanzia ha respinto ogni addebito) è ritenuto responsabile, insieme al latitante Daniele Vicientino, anche di un'estorsione commessa ai danni dei titolari di una società di scommesse di Ceglie Messapica, costretti secondo l'accusa a versare 10 mila euro l'anno.

Il blitz della Dda scattò alle quattro di mattina del 29 settembre scorso, fra le due sponde dell'Adriatico. L'operazione dei carabinieri e delle forze speciali della Polizia albanese, consentì la cattura di Prudentino ma anche di altri nove boss della Sacra Corona Unita. Nella rete finì così uno dei due clan della Scu attualmente in attività, quello dei mesagnesi Massimo Pasimeni e Antonio Vitale (entrambi detenuti), la cui direzione era stata affidata a Daniele Vicientino (altro mesagnese, riuscito a sfuggire alla cattura e ancora latitante) e ad Ercole Penna (mesagnese, 36 anni), divenuto nel frattempo collaboratore di giustizia.

Dalle dichiarazione di quest'ultimo, sarebbe non a caso maturato alla fine del dicembre scorso l'Operazione Last Minute, condotta da Squadra mobile di Brindisi e dal Commissariato di Mesagne. Qualche giorno dopo l'arresto scattarono anche i sigilli a carico dei beni di Prudentino, stavolta su disposizione della Procura di Valona. Sotto sequestro preventivo, infatti, finirono alcune delle proprietà e delle attività economiche avviate in Albania e intestate ai suoi familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Riesame rigetta l’istanza: Albino Prudentino resta in carcere

BrindisiReport è in caricamento