menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Squinzano, Mino Miccoli

Il sindaco di Squinzano, Mino Miccoli

Il sindaco di Squinzano smentisce Emiliano: "Nessun consenso a spostare il gasdotto"

"Disponibili a verificare le condizioni per fare da noi l'approdo Tap solo a condizione di una conversione a metano della centrale Enel di Cerano"

SQUINZANO (Lecce) - Le cose a quanto pare non stanno proprio come sostiene il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, riguardo alla disponibilità data dal sindaco di Squinzano (Lecce) a trasferire nel suo territorio il punto d'approdo del gasdotto Tap, spostandolo di 30 chilometri rispetto all'attuale punto di approdo previsto nei pressi di San Foca, marina di Melendugno. E’ il primo cittadino del Comune salentino, Mino Miccoli, a smentire il governatore, in un’intervista rilasciata all’agenzia girnalistica Adnkronos.

'Il presidente Emiliano – sostiene Miccoli - è in oggettive difficoltà. Non c'è alcun consenso da parte del Comune di Squinzano''. Il governatore ha richiamato più volte una delibera approvata dal consiglio comunale di Squinzano. ''Il Comune di Squinzano -precisa il sindaco Miccoli- in maniera responsabile ha soltanto recepito e fatta propria la mozione di un consigliere provinciale di opposizione che sosteneva una cosa sensata: 'se non ci dovesse essere l'approdo Tap a Melendugno, -chiedeva- perchè non verifichiamo se ci sono le condizioni per farlo da noi?'. A una condizione improcrastinabile e ineludibile -spiega Miccoli- quella di una conversione della centrale di Cerano (che si trova a Brindisi, non lontano da Squinzano, ndr) da carbone a gas".

"In quella deliberazione si andava oltre -continua- e cioè si precisava che, laddove si dovesse immaginare un'ipotesi di questo tipo, occorre evitare di fare come dopo il referendum di 30 anni fa quando la gente disse che voleva il gas e poi il governo autorizzò la centrale a carbone. Bisogna -sottolinea Miccoli- che prima la centrale dismetta la produzione di energia elettrica con il carbone, poi elimini i nastri trasportatori e le isole di stoccaggio e infine ci si può sedere a parlare''. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento