Cronaca

Il tentativo di chiarimento finisce male: in ospedale una donna aggredita dall'ex

Si erano dati appuntamento per un tentativo di chiarimento, ma è sfociato in un aggressione un incontro fra due ex fidanzati. Lei, una giovane brindisina, è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari a seguito delle percosse

BRINDISI – Si erano dati appuntamento per un tentativo di chiarimento, ma è sfociato in un aggressione un incontro fra due ex fidanzati. Lei, una brindisina di 25 anni, è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari a seguito delle percosse da parte dell’ex compagno 48enne, forse in preda ai fumi dell’alcool.

La coppia si era separata circa un mese e mezzo fa. La relazione però aveva avuto una coda polemica sulle pagine del social network Facebook, con tanto di post al veleno. E proprie il contenuto di quei messaggi è stato il principale argomento di discussione del faccia a faccia avvenuto stamani.

Lui, però, dopo qualche minuto ha perso le staffe, passando dalle parole alle mani. Un amico della ragazza in una primo momento ha tentato di intervenire. Poi, per evitare che la situazione degenerasse ulteriormente, ha chiesto l’interveto dei poliziotti. Sul posto si è recata una pattuglia della Sezione volanti. La brindisina, scossa dall’accaduto, ha riportato ferite refertate con 5 giorni di prognosi dal personale dell’ospedale Perrino.

L’aggressore è stato identificato e accompagnato in questura dai poliziotti, che stanno valutando come procedere nei suoi confronti. La vittima nel pomeriggio ha sporto denuncia querela a carico dell'uomo e successivamente ha pubblicato sul suo profilo Facebook delle foto in cui mostra i lividi provocati dall'aggressione, accompagnate da un post in cui racconta la sua disavventura. 

"Oggi  - scrive la ragazza - vorrei raccontare una storia,purtroppo non piacevole. Quando in tv sentiamo parlare dell'ennesimo caso di femminicidio e violenza sulle donne, siamo sempre mortificati e dispiaciuti,a volte angosciati e spaventati. Ma il più delle volte la notizia ci sfiora appena, un po' perché abituati ormai solo a notizie pessime, un po' perché vediamo sempre queste situazioni molto lontane da noi".

"Oggi, personalmente, vi chiedo di fermarvi un attimo a riflettere. Ho trascorso la notte al pronto soccorso, scortata da due poliziotti molto umani e sensibili, e circondata dall'affetto di infermieri e dottoresse. Hanno curato prima la mia anima,e successivamente le mie ferite. Essere aggrediti violentemente, nel bel mezzo della notte da parte dell 'uomo' che amavi e che diceva di amarti ti fa capire quanto in realtà siamo soli in questo mondo. Eppure l'amore il bene.. esistono ancora. Dovevo solo capire che stavo guardando dalla parte sbagliata. Un uomo che picchia la sua donna e la lascia da sola alle 3 di notte non è Un uomo. È un insetto senza spina dorsale,e io gli insetti li caccio via, al loro posto... sullo sterco". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il tentativo di chiarimento finisce male: in ospedale una donna aggredita dall'ex

BrindisiReport è in caricamento