menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vicequestore Mario Marcone

Il vicequestore Mario Marcone

Il vicequestore Marcone lascia il comando della Polizia di Frontiera

Promosso primo dirigente. "Brindisi città meravigliosa". Ha diretto Polmare e Polaria in un momento molto delicato

BRINDISI - Lascia il comando della Polizia di Frontiera di Brindisi, dopo la promozione a primo dirigente, il vicequestore Mario Marcone, che attraverso la stampa locale invia anche un saluto alla città, che definisce nel suo messaggio "meravigliosa". Le nuove assegnazioni saranno decise a luglio dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, e solo in estate si conoscerà il nome del nuovo funzionario che assumerà la direzione di Polmare e Polaria a Brindisi.

Il vicequestore Mario Marcone ha diretto la vigilanza dell'area portuale e di quella aeroportuale - per i compiti in capo alla Polizia di Frontiera - in un momento molto caldo per le minacce terroristiche ai paesi occidentali. Brindisi è un porto definito sensibile come gli altri scali marittimi adriatici, in particolare Trieste, Ancona e Bari, per i suoi collegamenti con l'area balcanica, a sua volta attraversata dai flussi da e per il Medio Oriente.

La Polizia di Frontiera è uno degli organismi maggiormente impegnati sul problema del controllo di questi flussi, ed uno dei terminali delle informative sui movimenti di persone sospette o gravate da misure cautelari internazionali. Il vicequestore Mario Marcone ha ottenuto importanti risultati sia nella gestione del sistema dei controlli che in alcune operazioni di servizio, ed ha mantenuto sempre rapporti di cordiale collaborazione con gli organi di informazione locale su quanto accadeva ai confini marittimi e aerei del nostro territorio. Lo ringraziamo per aver agevolato il nostro lavoro, di cui ribadisce l'importante ruolo, e siamo certi che gli sarà affidato un incarico di adeguato prestigio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento