Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Via Fasano

Immacolata in cella per 2 topi d'appartamento in trasferta colti con le mani nel sacco

Erano pronti a darsela a gambe con un borsone carico di argenteria appena rubata da un appartamento. Ma due topi d’appartamento baresi, i 23enne Giovanni Pellicano e Pietro Celotto, hanno dovuto fare i conti con i carabinieri della locale stazione. Entrambi trascorreranno la festa dell’Immacolata presso la casa circondariale di Brindisi

La refurtiva recuperata dai carabinieri

CISTERNINO – Erano pronti a darsela a gambe con un borsone carico di argenteria appena rubata da un appartamento. Ma due topi d’appartamento baresi, i 23enne Giovanni Pellicano e Pietro Celotto, hanno dovuto fare i conti con i carabinieri della locale stazione. Entrambi trascorreranno la festa dell’Immacolata presso la casa circondariale di Brindisi.

Erano circa le ore 20 di ieri quando i due hanno preso di mira una casa situata in via Fasano. Nel centro di Cisternino. Con ogni probabilità pensavano di agire al riparo da sguardi indiscreti. Ma un cittadino ha notato i loro movimenti sospetti e ha subito contattato la locale stazione.CELOTTO Piero-2

Il militare in servizio in caserma quindi ha immediatamente inviato sul posto una pattuglia impegnata in un servizio di controllo del territorio e insieme al comandante si è diretto verso il luogo indicato dal cittadino. Per i due “trasferisti” baresi non c’è stato nulla da fare. I giovani sono stati ammanettati e successivamente condotti in carcere (nella foto a destra, Pietro Celotto)

I militari, diretti dal comandante della compagnia di Fasano Pierpaolo Pinnelli, hanno recuperato un borsone pieno di refurtiva, fra cui appunto lì argenteria ed altri oggetti di valore che si trovavano all’interno dell’appartamento. Il tutto è stato restituito al legittimo proprietario, che si trovava fuori casa. Sono stati altresì sequestrati passamontagna, guanti, cacciaviti e una torcia elettrica.

PELLICANO Giovanni-2Questa operazione dimostra quanto sia importante la collaborazione fra le forze dell’ordine e i cittadini. Perché se quel cistranese non avesse segnalato ai carabinieri la presenza di individui sospetti e gli stessi militari non si fossero subito attivati, il colpo sarebbe andato a segno (nella foto a sinistra, Giovanni Pellicano)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immacolata in cella per 2 topi d'appartamento in trasferta colti con le mani nel sacco

BrindisiReport è in caricamento