menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Immobile comunale nella Selva di Fasano: al via il bando per la gestione

Immobile a Selva di Fasano, gara per ristrutturazione e gestione di attività a fini commerciali. Offerte da presentarsi entro l’8 giugno

FASANO - Il Comune di Fasano ha emesso un bando per affidare la gestione novennale (rinnovabile alla scadenza) e contestuale ristrutturazione, dell’immobile ubicato a Selva di Fasano in viale del Leccio retrostante la Casina municipale ed il Palazzo dei congressi. Per partecipare a questo bando, gli interessati (persone fisiche o semplici società) che abbiano almeno un’esperienza di cinque anni nell’ambito delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, devono presentare la loro offerta entro l’8 giugno; considerando che il canone annuo di locazione posto a base di gara è di 2500 euro.

«L’iniziativa rientra nell’ottica dell’Amministrazione comunale di recuperare e valorizzare il patrimonio pubblico – afferma il sindaco Francesco Zaccaria – per restituirlo alla collettività. In particolare, l’immobile di viale del Leccio fa il paio con la gara in corso per la gestione di Casina e Palazzo dei congressi, nella prospettiva del rilancio della Selva di Fasano al quale stiamo lavorando con convinzione, mettendo anche a punto una programmazione culturale in sinergia con enti ed associazioni».

Il bando si riferisce non solo alla gestione della struttura di viale del Leccio ma anche alla sua ristrutturazione, i cui costi, a carico dell’aggiudicatario, sono stati stimati dall’Ufficio tecnico comunale in 17.906,20 euro che verranno scomputati dal canone annuo di locazione.

«La struttura potrà diventare, ne siamo certi, punto di riferimento anche per turisti e vacanzieri che vorranno gustare le nostre specialità gastronomiche – sostiene Leonardo Deleonardis, assessore comunale al Patrimonio – considerato che la destinazione dell’immobile è ad attività commerciale, preferibilmente relativa alla produzione e vendita di prodotti e piatti tipici, promovendo così il settore agroalimentare locale di qualità». L’immobile ha una superfice interna netta di 30,76 mq, oltre ad 8,89 mq di bagni e si sviluppa in due grandi vani al piano terra con quattro bagni con accesso indipendente dall’esterno, più una scala interna che conduce ad una stanza al piano interrato. Inoltre, gode di uno spazio esterno di circa 160 mq che potrà essere utilizzato dall’aggiudicatario a suo piacimento.

Gli interessati dovranno presentare, oltre all’offerta economica, quella tecnica e progettuale nella quale indicare gli aspetti dell’attività che si intendono svolgere ed un programma gestionale di massima con l’ipotesi di eventi rappresentativi dell’azienda aggiudicataria per la promozione dei prodotti tipici locali. In ogni caso, tutte le opere di ristrutturazione dovranno essere realizzate entro 12 mesi dall’aggiudicazione, e preventivamente autorizzate dal Comune che li acquisirà al patrimonio dell’Ente senza rimborsi, con esclusione degli arredi e dei corpi illuminanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento