menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Impianti sportivi, 160 milioni di euro da Anci e Ics: domande entro il 5 novembre

C'è tempo fino al 5 novembre prossimo per partecipare al bando "Sport Missioni Comune" da 160 milioni di euro di mutui a tasso zero o agevolato per progetti di costruzione, ampliamento, riqualificazione ed efficientamento energetico di impianti sportivi

C’è tempo fino al 5 novembre prossimo per partecipare al bando “Sport Missioni Comune” da 160milioni di euro di mutui a tasso zero o agevolato per progetti di costruzione, ampliamento, riqualificazione ed efficientamento energetico di impianti sportivi, pubblicato a seguito del protocollo d’intesa sottoscritto il 14 luglio scorso tra Anci (Associazione nazionale comuni italiani) e Ics (Istituto per il credito sportivo). La finalità del progetto è quella di “fornire un impulso all’economia attraverso gli investimenti nel settore dell’impiantistica sportiva”.

Una buona opportunità per quei Comuni che posseggono impianti sportivi che necessitano di ristrutturazione per essere messi a disposizione della comunità. Di recente Brindisireport ha pubblicato un servizio sullo stato in cui versa l’ex Sporting Club di San Pietro Vernotico, ma in tutto il Brindisino ci sono impianti sportivi in stato di abbandono o che necessitano interventi di ristrutturazione.

“Sono ammessi a contributo gli interventi relativi alla costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, comprese le piste ciclabili, ivi compresa l'acquisizione delle aree e degli immobili relativi ad attività sportive”, si legge nell’avviso pubblico “Per l’ammissione a contributi destinati al totale abbattimento della quota interessi sui mutui per il finanziamento di progetti di impiantistica sportiva comunale e intercomunale”.  

In particolare, “nell’ambito della somma relativa ai mutui viene stanziato un plafond di 60 milioni di euro di mutui che godranno del totale abbattimento del tasso d’interesse nel limite dello stanziamento massimo di 8 milioni di contributi in conto interessi a valere sul predetto Fondo, utilizzabili da Comuni e Unioni dei Comuni per gli interventi di carattere sportivo di cui all’art. 2 con la finalità di fornire un impulso all’economia attraverso gli investimenti nel settore dell’impiantistica sportiva”. Dei 60 milioni (da stipulare entro il 31 dicembre 2016), 24 milioni saranno destinati ad interventi realizzati dai Comuni fino a 5mila abitanti, 18 milioni per interventi nei Comuni medi (da 5 a 100mila abitanti) e dalle Unioni dei Comuni ed altri 18 milioni per i Comuni capoluogo. Ciascun mutuo potrà godere del totale abbattimento degli interessi sino all’importo massimo di 2 milioni di euro. L’eventuale quota di ciascun mutuo eccedente l’importo godrà di contribuzione negli interessi dello 0,70 per cento.

I tempi per vedere gli impianti sportivi rimessi a nuovo sono relativamente brevi. I lavori relativi agli interventi ammessi a contributo, infatti, dovranno iniziare entro il termine di mesi sei dalla data di stipula del contratto di mutuo ed essere ultimati entro diciotto mesi dalla stipula del contratto di mutuo. 
Le spese ammesse a contributo riguardano: lavori, opere civili ed impiantistiche; spese tecniche per la realizzazione dell’intervento (spese di progettazione, direzione lavori, ecc.); spese strettamente correlate alla realizzazione del progetto sportivo (materiali e relativa mano d’opera, ivi compresi i componenti e le strutture già realizzate in fabbrica); epese per l’acquisto di attrezzature sportive, purché di stretta pertinenza dell’impianto sportivo; spese per l’acquisto delle aree sulle quali dovranno essere realizzati gli impianti sportivi, a condizione che la realizzazione dell’impianto sportivo faccia parte del progetto ammesso a contributo; spese per l’acquisto di immobili da destinare ad attività sportive; Iva.

Le istanze dovranno essere trasmesse, a mezzo di posta elettronica proveniente da casella Pec dell’Ente richiedente, all’indirizzo PEC icsanci@legalmail.it a partire dalle ore 10 del 05/10/2016 e non oltre le ore 17 del 05/11/2016.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Attualità

"Me contro te" di Gianluca Leuzzi candidato al David di Donatello

social

Sant'Antonio Abate, il Santo del fuoco tra storia e tradizione

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Coronavirus, oltre 1200 nuovi positivi e oltre 1500 guariti

  • Attualità

    Di Rocco: "Così abbiamo riorganizzato la biblioteca in piena pandemia"

  • Cronaca

    Minaccia di morte e terrorizza la madre e la moglie: finisce in carcere

  • Economia

    Porto: "Un commissario straordinario per sbloccare le infrastrutture"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento