Cronaca Ostuni

Importanti concessioni del Comune di Ostuni al parco delle Dune costiere

Comune di Ostuni ha concesso al Parco naturale regionale delle Dune costiere una serie di beni pubblici di elevato valore, al fine di dotare il Parco stesso dei beni e dei mezzi necessari allo svolgimento della sua mission

OSTUNI - Il Comune di Ostuni ha concesso al Parco naturale regionale delle Dune costiere una serie di beni pubblici di elevato valore, al fine di dotare il Parco stesso dei beni e dei mezzi necessari allo svolgimento della sua mission, che è quella di svolgere promozione e fruizione del territorio e del Parco.

"Esprimo viva soddisfazione - commenta il presidente del Parco delle Dune costiere, Enzo Lavarra - per la decisione della Giunta Comunale di Ostuni di assegnare in concessione d'uso al Parco beni pubblici di grande valore come la zona umida di Fiume Morelli con l’antico impianto di acquacoltura, la Casa del Mare presso l’ex Lido Stefhan, la Casa del Parco presso l’ex Stazione di Fontevecchia, l’Albergabici presso l’ex Casa cantoniera Anas a Montalbano e l’ex Cava di Pezza Caldara”.

Si conferma così la proficua collaborazione fra Comune di Ostuni e Parco delle Dune costiere basata sulla visione condivisa di accorpare in un unico soggetto pubblico i compiti di promozione, fruizione, sorveglianza e valorizzazione dell’area Parco - prosegue Lavarra - e sulla necessità di dotare il Consorzio stesso dei necessari beni e mezzi per l’espletamento dei propri compiti istituzionali".

“Ringrazio a nome della Comunità del Parco - conclude l’on. Lavarra - per la convinta e sistematica attenzione a tutti i nostri progetti il Sindaco Gianfranco Coppola, e ringrazio la sua Giunta per la convergenza manifestata. Dichiaro infine piena disponibilità a illustrare all'intero consiglio comunale della città i programmi di gestione del Parco, nelle modalità che il Presidente dell'Assise riterrà di concertare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Importanti concessioni del Comune di Ostuni al parco delle Dune costiere

BrindisiReport è in caricamento