In auto con un grosso petardo: denunciato un giovane brindisino

Ventisettenne si rifiuta di sottoporsi ai test sanitari per verificare se si fosse messo al volante sotto effetto di alcool o droga

BRINDISI – Se ne andava in giro con un petardo del peso di 50 grammi. Quando è stato sottoposto a un controllo, ha rifiutato di sottoporsi agli accertamenti sanitari per verificare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti. E’ stato denunciato a piede libero il 27enne F.B., di Brindisi. L’uomo, alla guida della propria auto, è stato fermato nel corso di un servizio di controllo della circolazione stradale effettuato dai carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi.

Dopo il rifiuto di sottoporsi agli accertamenti sanitari, i carabinieri hanno sottoposto a perquisizione la vettura, trovando un petardo "black thunder" appartenente alla IV categoria, del peso di 50 grammi, nascosto nel vano portaoggetti dello sportello laterale destro. Il petardo è stato sottoposto a sequestro. 

"È opportuno sottolineare - si legge in una nota del comando provinciale dei carabinieri di Brindisi - che i prodotti pirotecnici da divertimento presenti sul mercato si distinguono per l'appartenenza a specifiche 'categorie'. Quelli appartenenti alla IV categoria,  tra i quali è da annoverare quello sequestrato, sono prodotti per lo più professionali e comunque vendibili solo presso esercizi appositamente autorizzati dal prefetto (mai ambulanti) a persone munite di specifiche licenze di polizia. Il loro possesso deve essere denunciato all'autorità di pubblica sicurezza".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere contromano, un morto e due feriti: arrestato

  • Cattivi odori dalla lavatrice: alcuni rimedi naturali per eliminarli

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento