rotate-mobile
Cronaca Ostuni

In fuga con le “pasticche”: preso

OSTUNI – Raggiunto da un ordine di carcerazione era irreperibile da alcuni giorni. Scovato dai militari avrebbe tentato sino all’ultimo di sfuggire alle manette, ma all’alba di oggi è stato catturato e arrestato. E’ finito in manette così Teodoro Sorato (44 anni, ostunese), personaggio noto alle forze dell’ordine.

OSTUNI - Raggiunto da un ordine di carcerazione era irreperibile da alcuni giorni. Scovato dai militari avrebbe tentato sino all'ultimo di sfuggire alle manette, ma all'alba di oggi è stato catturato e arrestato. E' finito in manette così Teodoro Sorato (44 anni, ostunese), personaggio noto alle forze dell'ordine.

I Carabinieri della locale stazione, coordinati dal comandante Domenico Barletta, lo hanno tratto in arresto a seguito di un provvedimento dell'Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Lecce, maturato sulla scorta di reiterare violazioni alla misura dell'affidamento ai servizi sociali cui era sottoposto. Più volte, infatti, gli stessi carabinieri avevano segnalato al Magistrato di Sorveglianza l'inosservanza degli obblighi. Comportamenti reiterati che avevano imposto il ripristinando della misura cautelare in carcere per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Sorato, residente in contrada Madonna della Nova, alla vista dei militari si è dato a precipitosa fuga per le campagne. Inseguito dal personale dell'Arma è stato bloccato poco dopo. E qui la sorpresa. Durante la conseguente perquisizione personale, i militari hanno rinvenuto nel giubbotto indossato da Sorato 5 pasticche "subutex" (oppiaceo che si affianca al metadone). Sostanza, che sottoposta sequestro, per gli inquirenti era destinata probabilmente ad essere ceduta.

Sorato dovrà così difendersi da una doppia accusa: violazione alla misura dell'affidamento ai servizi sociali e detenzione illegale di stupefacenti ai fini di spaccio. Accompagnato dapprima in caserma, il quarantaquattrenne ostunese è stato quindi associato presso la casa circondariale di Brindisi a disposizione competente Autorità giudiziaria.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In fuga con le “pasticche”: preso

BrindisiReport è in caricamento