rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Oria

"Minacce aggravate" a medico del Pronto soccorso: denunciato

Finisce in ospedale dopo essere rimasto coinvolto in incidente stradale e torna a casa con una denuncia per minacce aggravate nei confronti di un medico

FRANCAVILLA FONTANA – Finisce in ospedale dopo essere rimasto coinvolto in incidente stradale e torna a casa con una denuncia per minacce aggravate nei confronti di un medico.  Protagonista di questa vicenda un 34enne residente a Oria.   

L’uomo dopo l’incidente è stato portato in codice verde all’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana. Una volta al Pronto soccorso è stato posizionato su una barella con tavola spinale in attesa di essere “preso in carico”.

“Durante l’attesa, il degente si è alzato per recarsi in bagno. Vedendo tale situazione un’infermiera gli ha rappresentato che non avrebbe dovuto alzarsi per recarsi in bagno poiché la tavola spinale imponeva l’immobilità. Constatato ciò, il medico ha disposto di togliere la tavola spinale, a quel punto l’uomo apostrofava il medico con frasi ingiuriose e togliendosi il collare cervicale lo ha scagliato contro il sanitario colpendolo alla testa”. Scrivono i carabinieri in una nota stampa. Ha inoltre cercato di afferrarlo agitando le mani come se volesse colpirlo.

“Nella circostanza è intervenuto un medico del 118 che ha provveduto a farlo allontanare. Dopo qualche minuto l’uomo, posizionato sulla sedia a rotelle nel corridoio d’attesa, all’invito rivolto da un’infermiera di spostarsi per non impegnare il passaggio, ha reagito immotivatamente minacciando di spezzare il collo con un pugno ai sanitari”. Per evitare ogni ulteriore minaccia, l’uomo è stato fatto visitare da altro medico che gli ha diagnosticato “traumi da caduta agli arti inferiori con 5 giorni di prognosi”. Inevitabile l'intervento dei carabinieri che dopo aver raccolto le relative testimonianze lo hanno denunciato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Minacce aggravate" a medico del Pronto soccorso: denunciato

BrindisiReport è in caricamento