Cronaca

Incendi a ripetizione sulla litoranea: 3 mezzi dei pompieri impegnati per ore

Solo la litoranea ha tenuto impegnati quattro mezzi. Ma l'intero territorio provinciale ha dato del filo da torcere ai vigili del fuoco di Brindisi, in una giornata in cui sono andati a fuoco ettari di sterpaglia. I pompieri sono stati impegnati per più tre ore nei pressi di lido Granchio Rosso. Tre squadre hanno dovuto spegnere decine di focolai

BRINDISI – Solo la litoranea ha tenuto impegnati quattro mezzi. Ma l’intero territorio provinciale ha dato del filo da torcere ai vigili del fuoco di Brindisi, in una giornata in cui sono andati a fuoco ettari di sterpaglia. I pompieri sono stati impegnati per più tre ore nei pressi di lido Granchio Rosso. Tre squadre hanno dovuto spegnere decine di focolai, estinguendoli prima che potessero rappresentare una minaccia per gli stabilimenti balneari e leI vigili del fuoco nei pressi di lido Granchio Rosso per incendio sterpaglie-2 abitazioni limitrofe.

Intorno alle ore 14, mentre i tre equipaggi erano ancora occupati in zona Punta Penne, un’altra squadra ha dovuto lasciare in fretta e furia un incidente verificatosi vicino alla stazione, in pieno centro, per spegnare un incendio che stava interessando un campo di grano situato in località Apani, a pochi metri da Lido Azzurro.

Altri fronti avevano reso necessario l’intervento delle squadre dei distaccamenti di Ostuni e Francavilla Fontana. Anche se l’estate deve ancora entrare nel vivo, insomma, gli incendi boschivi, come ogni hanno, cominciano a diventare una piaga. Questo grazie all’incuria dei privati cittadini, che non curano come dovrebbero i terreni agricoli, e degli enti locali, che di certo non brillano per efficienza nella manutenzione dei suoli ricoperti da erbacce. A pagarne le spese sono ovviamente i vigili del fuoco, costretti a un autentico tour de force fra un rogo e l’altro. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi a ripetizione sulla litoranea: 3 mezzi dei pompieri impegnati per ore

BrindisiReport è in caricamento