rotate-mobile
Sabato, 24 Settembre 2022
Cronaca

Incendi di auto a Sud Recuperi

BRINDISI – Sette auto devastate dalle fiamme al termine di un misterioso incendio avvenuto intorno alle 5 del mattino nell'area del piazzale esterno della Sud Recuperi Srl, l'azienda di auto demolizioni di Davide Cannone, di via Mare (la complanare parallela la statale 379, Brindisi-Bari, quasi all'altezza del santuario di Iaddico).

BRINDISI ? Sette auto devastate dalle fiamme al termine di un  misterioso incendio avvenuto intorno alle 5 del mattino nell'area del piazzale esterno della Sud Recuperi Srl, l'azienda di auto demolizioni di Davide Cannone, di via Mare (la complanare parallela la statale 379, Brindisi-Bari, quasi all'altezza del santuario di Iaddico).

I vigili del fuoco del comando provinciale sono entrati in azione subito dopo la segnalazione e, intorno alle 5.30, erano già sul posto con due autobotti per domare le fiamme appiccate su diversi veicoli anche distanti tra di loro diversi metri. Tre le auto completamente carbonizzate: si tratta di una Ranault Megane, una Fiat 500 ed una Fiat Punto, tutti modelli vecchio tipo.

Gravemente danneggiate una Citroen Xara ed una Nissan Micra, mentre sono bruciati solo i paraurti di due Fiat Multipla parcheggiate a diversi metri di distanza. Un particolare che lascia presupporre gli investigatori che l'incendio possa essere di origine dolosa. Sul posto gli agenti della sezione volanti ed il personale della polizia scientifica per le indagini ed i rilievi del caso.

Delle sette auto bruciate pare che non tutte fossero destinate ad essere demolite. Quattro erano ancora dotate di targhe e, prima delle fiamme pare fossero in discrete condizioni. Le fiamme hanno anche rischiato di propagarsi ad altri mezzi e ad un container vicino alla Citroen Xara, fortunatamente i vigili del fuoco sono arrivati prima domando i vari roghi in quasi un'ora di lavoro. Indagini sono in corso per risalire al movente e agli autori del rogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi di auto a Sud Recuperi

BrindisiReport è in caricamento