Tentano di incendiare un'auto: rogo spento subito dai proprietari

Incendiari in azione la scorsa notte in via Isonzo. Posizionato un innesco sul cofano di una Fiat Panda. Intervenuti i pompieri

BRINDISI - Il rogo è stato spento sul nascere, dagli stessi proprietari. Ignoti malfattori hanno cercato di incendiare una Fiat Panda parcheggiata in via Isonzo, traversa di via Appia. L’episodio si è verificato intorno alle ore 4.45 della scorsa notte (venerdì 24 lugli), nella periferia di Brindisi. La donna che utilizza l’auto si è accorta di un innesco posizionato sul cofano della vettura. A quel punto il figlio si è subito attivato per spegnere l’incendio, in attesa dell’arrivo dei vigili sul fuoco. Sul posto si è recata una pattuglia delle Volanti della questura di Brindisi, per i rilievi del caso. Il movente del gesto è da appurare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento