rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Cellino San Marco

Incendio doloso alla villa del sindaco

CELLINO SAN MARCO – Incendio doloso nella villetta intestata alla madre del sindaco di Cellino S.Marco, l’avvocato Francesco Cascione. L’incursione degli ignoti attentatori è stata scoperta stamani. Le fiamme, appiccate all’interno della villa, probabilmente si sono autoestinte per mancanza di ossigeno.

CELLINO SAN MARCO - Incendio doloso nella villetta intestata alla madre del sindaco di Cellino S.Marco, l'avvocato Francesco Cascione. L'incursione degli ignoti attentatori è stata scoperta stamani. Le fiamme, appiccate all'interno della villa, probabilmente si sono autoestinte per mancanza di ossigeno, e stando ad un primo sopralluogo, non risulterebbero danneggiate le strutture portanti della costruzione, ma solo gli intonaci e l'arredamento.

Dall'esterno, il danno non è avvertibile. Un sistema spesso usato sulla costa a sud del Brindisino: si accumulano i mobili al centro di una delle stanze e si appicca il fuoco dopo averli cosparsi di liquido infiammabile. L'intestataria della villa, l'insegnante Pierina Metrangolo, è stata negli anni Ottanta sindaco di Cellino San Marco ed ha subito altri attentati. Ma al momento non si può stabilire se il movente dell'incendio sia collegato alla famiglia o al sindaco in carica, Francesco Cascione, e se siano intervenute ragioni legate all'attività amministrativa o a quella professionale.

Del caso si stanno occupando i carabinieri della stazione di Cellino San marco e quelli della compagnia di Brindisi, competente per territorio. Sono evidenti segni di effrazione, e ciò sin dall'inizio ha confermato la matrice dolosa dell'episodio. La villa si trova in territorio di Torchiarolo, al confine con Campo di Mare, che ricade in agro di S.Pietro Vernotico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio doloso alla villa del sindaco

BrindisiReport è in caricamento