Incendio nel capannone della lavanderia: escluso il dolo

Nessun ferito. Il rogo probabilmente riconducibile a un prodotto infiammabile usato per asciugare la biancheria: sul posto vigili del fuoco e carabinieri

SAN VITO DEI NORMANNI - Incendio nel capannone della lavanderia Ecolav, nella zona industriale di San Vito dei Normanni:  il rogo è divampato attorno alle 5 e sembra riconducibile a un prodotto particolarmente infiammabile usato per asciugare la biancheria. Non ci sono stati feriti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tempestivo l'intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi: sono sul posto per mettere in sicurezza il capannone. I danni sono in corso di quantificazione. Sono intervenuti anche i carabinieri di San Vito: i primi accertamenti hanno portato a escludere che si tratti di incendio doloso. Analoga situazione si era venuta a creare in passato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Muore soffocato da un pezzo di focaccia

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

  • Allarme clima: la provincia di Brindisi è quella che si sta riscaldando di più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento