menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio doloso devasta casolare: sotto shock l'anziano proprietario

Distrutti un trattore, furgone e mezzi agricoli nelle campagne di San Donaci. Sopravvissuti 5 tacchini. La nipote del proprietario: "Non capiamo il perchè di tanta cattiveria"

SAN DONACI - Casolare e mezzi agricoli  distrutti e un uomo di 80 anni che non si dà pace. Una vita di sacrifici in fumo. È questo il bilancio di un attentato incendiario perpettato nella notte nelle campagne tra San Donaci e Mesagne, precisamente in contrada Patula Longa, ai danni di un pensionato di San Donaci. C'erano anche cinque tacchini che per fortuna si sono salvati, le fiamme e il fumo non hanno raggiunto il loro recinto. 

Incendio casolare San Donaci 4-3

Ad accorgersi del danneggiamento il figlio del pensionato, nella mattinata di oggi giovedì 22 aprile. Quando si è recato in campagna ha trovato tutto distrutto. Ha subito richiesto l'intervento dei carabinieri, sul posto si è recata anche una pattuglia della Polizia locale di San Donaci. Trattore, furgone e altri mezzi agricoli sono andati distrutti. Il casolare è stato dichiarato inagibile. Al centro erano stati ammucchiati degli pneumatici a cui è stato dato fuoco. Un danno incalcolabile che la famiglia vittima di questo attentato non riesce a spiegarsi. "Mio nonno è una persona onesta, non ha mai fatto male a nessuno, non riusciamo a capire perché tanta cattiveria".

Incendio casolare San Donaci 6-2

L'anziano non ha ancora sporto denuncia, tanto è stato lo shock.  Una vita intera trascorsa nei campi, ha continuato a coltivare la terra e a dedicarsi agli animali anche dopo la pensione. "Queste cose fanno male, chi compie queste azioni non si rende conto del danno che provoca, non solo economico"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento