Incendio di residui vegetali: in azione pompieri e protezione civile

Fiamme alimentate dal vento. Il fumo è arrivato fino al centro abitato di Cellino San Marco

CELLINO SAN MARCO – Sono stati impiegati anche due trattori di un'azienda agricola nelle operazioni di spegnimento di un incendio di residui vegetali che stamattina (martedì 30 luglio) si è sviluppato nelle campagne di Cellino San Marco. Il rogo è stato avvistato intorno alle ore 9,30. Sul posto si è recata una squadra del gruppo comunale di Protezione civile di Cellino San Marco. Poi sono intervenuti anche i vigili del fuoco, a bordo di due mezzi, e una pattuglia della locale stazione dei carabinieri. 

Alimentate dal forte vento, le fiamme si espandevano rapidamente, sprigionando un fumo che arrivava fino al centro abitato. Con l’ausilio delle ruspe sono stati sparsi i cumuli di materiale in fiamme. Necessario anche il ricorso a un’autobotte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro sulla provinciale: muore un bambino di 16 mesi

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

  • Covid: nuovo picco di casi in Puglia. Nel Brindisino altri due contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento