Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Incendio nella notte su un traghetto diretto in Albania, nessun ferito

Si sono vissuti momenti di paura nella notte per un incendio divampato per cause non ancora accertate nella sala macchine del traghetto 'Francesca' della linea Adria Ferries, partito da Bari con circa 256 persone a bordo tra passeggeri (203, tra cui 50 italiani) ed equipaggio (53, tra cui 20 italiani) e diretto a Durazzo

BARI – Si sono vissuti momenti di paura nella notte per un incendio divampato per cause non ancora accertate nella sala macchine del traghetto 'Francesca' della linea Adria Ferries, partito da Bari con circa 256 persone a bordo tra passeggeri (203, tra cui 50 italiani) ed equipaggio (53, tra cui 20 italiani) e diretto a Durazzo, Albania, dove sarebbe dovuto arrivare alle 8 di oggi mercoledì 13 maggio (video). L'incendio è stato subito tenuto sotto controllo e poi spento da personale di bordo. Non ci sono feriti e le condizioni dei passeggeri, tra essi anche famiglie con bambini, sono buone anche se più di qualcuno è stato colto da malore per lo spavento. Specie perchè è ancora fresco il ricordo della tragedia in mare del 28 dicembre scorso della Norman Atlantic, dove, sempre a causa di un incendio, persero la vita 11 persone e 18 risultano ancora disperse. 

La prima segnalazione è stata data alla Capitaneria di Porto di Bari intorno alla mezzanotte e mezza. L'incendio è scoppiato quando la nave era a sei miglia nautiche dal capoluogo pugliese. Sul posto sono state inviate unità navali della Guardia di Finanza in ausilio alle operazioni di soccorso e un elicottero del Reparto operativo aeronavale delle Fiamme Gialle.

Il traghetto è stato trainato da un rimorchiatore al porto di Bari, dove è giunto intorno alle 6.30. Tutti i passeggeri erano stati preparati per l'eventuale abbandono nave per mezzo di scialuppe "Quando hanno dato l'allarme - ha raccontato un passeggero di Napoli in viaggio di lavoro - ci hanno fatto riunire a gruppetti di 20-25 persone vicino le scialuppe. Ci hanno fatto indossare i giubbotti di salvataggio e ci hanno dato acqua. Quando l'allarme è rientrato ci hanno fatto accomodare e ci hanno dato cibo. A bordo abbiamo ricevuto massima assistenza ma adesso siamo stanchi. Ci hanno bloccato sulla nave per e alcune donne si sono sentite male" . Successivamente anche due vedette della Guardia di Finanza si sono rese disponibili per le operazioni di assistenza coordinate dalle unità della Capitaneria di Porto sul posto.

Come già accennato, l’incidente in mare della notte scorsa ricorda la tragedia del 28 dicembre scorso che riguarda la nave Norman Atlantic, (ora ormeggiata nel porto di Bari) che prese fuoco vicino alla costa dell'Albania mentre si trovava in navigazione dalla Grecia ad Ancona. A bordo c’erano 443 passeggeri, 56 membri dell’equipaggio ed almeno 6 clandestini. Nella tragedia morirono 11 persone mentre altre 18 risultano ancora disperse, oltre 450 persone furono salvate dai soccorritori. Durante i tentativi di prendere a rimorchio il relitto, inoltre, il 30 dicembre, due marinai del rimorchiatore albanese Iliria morirono per la rottura di un cavo. Sul caso indaga la Procura di Bari che il 22 maggio effettuerà un incidente probatorio, nell’inchiesta sono indagate 12 persone accusate di cooperazione colposa in naufragio, omicidio plurimo e lesioni.

Foto Ansa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio nella notte su un traghetto diretto in Albania, nessun ferito

BrindisiReport è in caricamento