Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Inchiesta Grandi opere, archiviazione per l'avvocato di Brindisi

Decreto del gip del Tribunale di Firenze per Pasquale Trane: il legale inizialmente coinvolto nel troncone sul consorzio Cavet assieme ad Ercole Incalza, come direttore generale del Ministero dei Trasporti, e all'ingegnere Stefano Perotti

BRINDISI - Dopo tre anni di indagini, non avendo rinvenuto alcun elemento di colpevolezza, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze ha chiesto l’archiviazione del procedimento nei confronti dell’avvocato Pasquale Trane, di Brindisi, e di altri indagati finiti nel troncone dell'inchiesta sul concorzio Cavet, nell'ambito di quella più ampia sulle Grandi opere.

Con decreto del 23 settembre 2016, il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Firenze,  Angelo Antonio Pezzuti, ha accolto la richiesta del Pubblico Ministero e ha disposto l’archiviazione del procedimento penale per Trane e per gli altri coindagati Ercole Incalza, in qualità di direttore generale del Ministero dei Trasporti, e Stefano Perotti, ingegnere.

L’avvocato Pasquale Trane era stato indagato per i reati di associazione per delinquere “fornendo attività di consulenza professionale” per il consorzio sul quale la Procura ha indagato partendo da alcune intercettazioni telefoniche. Il legale quindi, esce definitivamente dall’inchiesta “Sistema” sulle grandi opere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Grandi opere, archiviazione per l'avvocato di Brindisi

BrindisiReport è in caricamento