Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Inciampa, cade e chiede danni al Comune per 51mila euro

L’istanza di risarcimento oggetto di un processo civile azionato da una donna di Brindisi: “Lesioni a causa di un dissesto in vi Dalmazia”. Il Tribunale ha rigettato la richiesta, ricorso in Appello

BRINDISI – Inciampa, cade e presenta il conto dei danni al Comune di Brindisi: 51mila euro per le lesioni riportate sette anni addietro dopo aver messo un piede in una buca in via Dalmazia. Perché secondo l’avvocato della donna, la colpa è unicamente dell’Amministrazione cittadina.

L’istanza di risarcimento si riferisce alla caduta avvenuta il 3 settembre 2010 attorno alle 14 ed è oggetto del contenzioso civile che vede da un lato la brindisina e dall’altro l’Ente rappresentato dagli avvocati interni Francesco Trane  Monica Canepa, i quali hanno ottenuto un pronunciamento favorevole del Tribunale di Brindisi. In primo grado, infatti, la domanda della donna è stata respinta in quanto ritenuta “infondata” trattandosi di strada qualificata come privata e non pubblica, quindi non ricadente nella sfera di competenza del Comune. E la signora è stata condanna a pagare le spese legali pari a 3.972 euro.

Il legale della brindisina non si è arreso e ha proposto appello con l’obiettivo di ribaltare il risultato. Il Comune ha conferito incarico ai legali del Palazzo il giorno prima dell’udienza davanti alla Corte di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inciampa, cade e chiede danni al Comune per 51mila euro
BrindisiReport è in caricamento