Cronaca Mesagne

Incidente in Calabria: operaio precipita da un ponteggio e muore sul colpo. Viveva a Mesagne

E' accaduto nella Centrale del Mercure di Laino Borgo, in provincia di Cosenza. L'uomo è caduto da un'impalcatura, viveva a Mesagne

MESAGNE - Risiedeva a Mesagne l'operaio di 29 anni che nella mattinata di oggi, giovedì 16 giugno, ha perso la vita mentre lavorava in un cantiere all'interno della Centrale del Mercure di Laino Borgo in provincia di Cosenza. Si chiamava Armel Dabrè ed era originario del Burkina Faso. A Mesagne, dove era arrivato nel 2011 insieme ad altri connazionali da cui non si è più separato, era stato accolto dalla Cooperativa Oasi nel cui centro ha vissuto dal 2009 al 2013. Poi era riuscito a trovare un lavoro e a prendere una casa in affitto con altri connazionali e a inserirsi nella realtà mesagnese. Si faceva chiamare Carmelo, da "Armel" e aveva conquistato il cuore di molti. 

Da quanto si apprende lavorava da qualche anno per conto di una ditta di San Pietro Vernotico impegnata nella riqualificazione dell’impianto e nello smantellamento di un gruppo ormai dismesso. Oggi era l'ultimo giorno della "fermata" in cantiere. Il 29enne sarebbe precipitato da un ponteggio cadendo su un nastro trasportatore e morendo sul colpo. Non è ancora chiaro se per un malore improvviso o per qualche distrazione. I colleghi avrebbero sentito solo il rumore del "tonfo". Il suo corpo è rimasto incastrato nel nastro e per rimuoverlo si è reso necessario l'intervento dei vigili del fuoco. Un lavoro durato diverse ore. Saranno i carabinieri a fare chiarezza sulla vicenda, la salma è stata posta sotto sequestro per permettere agli inquirenti di ricostruire con esattezza quanto accaduto e se la morte del 29enne si sarebbe potuta evitare. Un suo amico connazionale nel primo pomeriggio è partito da Mesagne in auto per recarsi sul luogo della tragedia e per il riconoscimento del corpo. E' stato lui il primo ad essere avvisato della disgazia. Armel in Italia aveva solo un fratello che vive a Napoli, anche lui si è messo in viaggio per raggiungere Laino Borgo e cercare la verità sulla morte del congiunto. 

Il cordoglio del sindaco di Mesagne

Il sindaco di Mesagne, Toni Matarrelli, ha affidato a Facebook il suo cordoglio per la morte del giovane. "Carmelo, come era stato ribattezzato a Mesagne, a riprova di un esempio di integrazione pieno, bello, completo, lascia un ricordo meraviglioso tra tutti coloro che lo hanno conosciuto.mAlla sua famiglia e a chi gli voleva bene giunga il cordoglio mio personale e della comunità mesagnese. La morte di una persona giovane è spesso percepita come un’ingiustizia, quella di un persona che muore svolgendo il proprio dovere porterà sempre con sé una sensazione di rabbia e dolore difficile da descrivere".

Articolo aggiornato alle 21.19 (ricostruzione incidente)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente in Calabria: operaio precipita da un ponteggio e muore sul colpo. Viveva a Mesagne
BrindisiReport è in caricamento