Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

L'incidente è avvenuto nel Comune di Castellarano. Apprensione per un 28enne, alla guida di una Bmw, che da anni vive con la famiglia in provincia di Reggio Emilia

CASTELLARANO (Reggio Emilia) – C’è apprensione per le condizioni di un brindisino di 28 anni (M.F. le iniziali del suo nome) che nel pomeriggio di oggi (giovedì 4 giugno) è rimasto coinvolto in uno spaventoso incidente avvenuto a Castellarano, un Comune in provincia di Reggio Emilia. Il giovane era alla guida di una Bmw che si è scontrata con una Toyota Yaris condotta da un 59enne. Il sinistro si è verificato intorno alle ore 16, in via Radici Sud. Stando a una prima ricostruzione del sinistro, le due auto provenivano da direzioni opposte. 

Incicente Reggio Emilia-2

Sul posto si sono recati i soccorritori del 118 e due squadre di vigli del fuoco da Reggio Emilia e Sassuolo, oltre agli agenti della Polizia Locale. E’ stato necessario l’intervento dei pompieri per estrarre i conducenti dai veicoli e affidarli alle cure dei sanitari. Entrambi sono stati trasportati in codice rosso presso l’ospedale di Reggio Emilia.

Da circa 15 anni il 28ene vive insieme alla famiglia in Reggio Emilia. La madre, non appena appreso dell’accaduto, si è recata sul luogo dell’incidente. Da lì si è recata in ospedale, nell'angosciante attesa di notizie sullo stato di salute del figlio. Il ragazzo, il più piccolo di tre fratelli, lavora in un autolavaggio del posto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ballerino Alessandro Cavallo entra nella scuola di "Amici" di Maria De Filippi

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Addio a Fabio D'Aprile: lutto nel basket brindisino

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

  • Covid: "Vaccinate anche delle persone che non avevano priorità"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento