Violento impatto fra auto e moto in via Sicilia: tre feriti

Una moto Bmw Gs R1250 con due persone a bordo ha centrato la fiancata di una Renault Twingo condotta da una donna

BRINDISI - E' di tre feriti il bilancio di un violento scontro fra una macchina e una moto avvenuto intorno alle ore 16.30 di oggi (sabato 19 ottobre) in via Sicilia, all'altezza dell'incrocio con via Umbria, al rione Commenda. L'impatto ha interessato una moto Bmw Gs R1250 a bordo della quale si trovavano due uomini e una Renalut Twingo azzurra condotta da una donna. 

Incidente via Umbria-via Sicilia 3-2

Stando a una prina dinamica dei fatti, La Twingo proveniva da via Umrbia e aveva impegnato il crocevia con via Sicilia per proseguire verso via Umbria. La moto, invece, procedeva in via Sicilia, direzione via Irpinia. La Bmw ha centrato in pieno la fiancata lato passeggero della Twingo. A seguito dell'impatto, il ventro posteriore della macchina è andato in frantumi. Entrambe le persone a bordo della moto sono state sbalzate sull'asfalto.

Incidente via Umbria-via Sicilia 4-2

I due malcapitati sono stati subito soccorsi da alcuni cittadini, in attesa dell'arrivo del personale del 118. Fortunatamente sia il conducente che il passeggero della Bmw erano vigili e coscienti. I due sono stati trasportati presso il Pronto soccorso dell'ospedale Perrino insieme alla conducente della Twingo. 

I rilievi del caso sono stati effettuati dagli agenti della polizia locale. Questi hanno rallentato la viabilità a causa della presenza di una estesa chiazza d'olio sull'asfalto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Lite poi gli spari davanti al mercato della "Corazzata", al Paradiso

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento