Scontro fra auto e treno merci nella zona industriale: ferite quattro donne

E' accaduto nel pomeriggio di oggi, martedì 8 ottobre, in viale Arno nella zona industriale. Una Chevrolet Spark è finita contro un treno merci in movimento

BRINDISI – Si è temuto il peggio nel pomeriggio di oggi, martedì 8 ottobre, in viale Arno nella zona industriale di Brindisi dove una Chevrolet Spark è finita contro un treno merci in movimento. A bordo c’erano quattro donne che per fortuna non hanno riportato ferite preoccupanti. Sono dipendenti di una cooperativa di pulizie che opera in un hotel del posto, avevano appena terminato il turno di lavoro.

Il macchinista ha azionato i segnali acustici e il freno di emergenza, ma nulla ha potuto fare per evitare l'impatto. Il respingente del treno ha centrato in pieno portiera e finestrino lato passeggero dell’utilitaria, trascinandola per alcuni metri. Sul posto ambulanze del 118, vigili del fuoco e agenti della Polizia locale che si sono occupati dei rilievi. Una pattuglia della Sezione volanti, invece, ha gestito la viabilità durante le operazioni di soccorso.

Da quanto appurato dalla polizia locale, i semafori erano coperti e l'arrivo del treno non è stato segnalato dai movieri. Il convoglio, vuoto, era diretto verso la zona industriale. Sono in corso ulteriori accertamenti per chiarire la dinamica del sinistro e la sussistenza di eventuali responsabilità. Il traffico si è sbloccato dopo circa un'ora, sulla via provinciale per Lecce. 

Articolo aggiornato alle ore 17.08 (accertamenti sulla dinamica)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

  • Coronavirus: "Pugliesi di rientro dal Nord contattino le autorità sanitarie"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento