menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente sulla provinciale: grave bambino di quattro mesi

Il neonato si trovava a bordo di una Lancia Musa insieme ai genitori. Secondo una prima ricostruzione della dinamica l’auto è finita fuori strada autonomamente

CEGLIE MESSAPICA – Un bimbo di quattro mesi è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Perrino di Brindisi per le lesioni riportate in seguito a un incidente stradale verificatosi sulla strada provinciale che collega Ceglie a Ostuni. Strada caratterizzata da numerosi dossi già segnata da sinistri anche gravi.

Il neonato si trovava a bordo di una Lancia Musa insieme ai genitori che vivino a Ceglie Messapica, la madre è originaria di Mesagne. Secondo una prima ricostruzione della dinamica operata dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni, l’auto è finita fuori strada autonomamente. Non vi sono altri veicoli coinvolti. Mamma e papà non hanno riportato conseguenze preoccupanti, il piccolo invece è stato trasportato in codice rosso al Pronto soccorso del Perrino dove è stato ricoverato in gravi condizioni.

In nottata il bimbo è stato sottoposto a intervento chirurgico. La mamma, invece, è stata trasportata al Vito Fazzi di Lecce. L'auto è stata rimossa con il carro attrezzi, a giudicare da come è ridotta sembrerebbe che dopo l'impatto forse con un muretto si è ribaltata. Sono scoppiati gli airbag. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: nuovi casi scendono sotto quota 1000, altri 27 decessi

  • Politica

    Torre Guaceto: Brindisi punta alla rotazione della presidenza

  • Emergenza Covid-19

    Apertura strutture turistiche, una soluzione dal passaporto sanitario

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento